Foto Sharm el Sheik - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Nordafrica
Sharm el Sheik
Aprile 2007

Località turistica posta nella parte meridionale della penisola del Sinai e bagnata dal mar Rosso, ha da sempre ospitato conferenze politiche di alto livello alle quali partecipano tutte le più  importanti nazioni del mondo, oltre a numerosi incontri della Lega araba. La città è particolare perchè in periferia vi sono tanti villaggi e residence per turisti, mentre la popolazione è soprattutto formata da persone che risiedono altrove e sono li solo per lavoro. Si affaccia sul Mar Rosso dove si trovano scenari subacquei di grande bellezza anche grazie alla splendida barriera corallina e una temperatura dell'acqua piacevole per le immersioni. Le immersioni subacquee, lo snorkeling, il windsurf e il canottaggio sono comunemente praticati dai turisti. Sharm el-Sheikh ha la seconda barriera corallina al mondo, dopo la Grande barriera corallina australiana.
Il deserto nel Sinai è affascinante ed è possibile percorrerlo con le "motorate" appena fuori dai resort per turisti.
Parco Nazionale di Ras Mohamed che si trova nella regione turistica della Riviera del Mar Rosso, a 12 km dalla città di Sharm El Sheikh. E' "La porta di Allah", dove una grande struttura in cemento disegna delle enormi lettere con il nome di Allah.
Ras Mohamed: mangrovie.
Parco nazionale di Ras Mohamed
Parco nazionale di Ras Mohamed
Parco nazionale di Ras Mohamed
Monastero di Santa Caterina.
Situato a 2 ore e mezza di macchina nell'entroterra da Sharm El Sheik sul Mar Rosso, il Monastero di Santa Caterina si trova isolato  nel cuore della penisola del Sinai ad un'altezza di 1570 metri, sotto la montagna dove si dice che Mosè abbia ricevuto i Dieci Comandamenti. Il monastero fu costruito per ordine dell'imperatore bizantino Giustiniano tra il 527 e il 565 d.C.. Il Monastero è ortodosso ed è Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO. Fu chiamato Santa Caterina all'inizio dell'XI secolo in onore di Santa Caterina, una delle prime martiri cristiane di Alessandria.Tra i suoi numerosi tesori c'è una grande biblioteca di manoscritti, bellissime icone e una chiesa del VI secolo che si ritiene giaccia direttamente sul sito del biblico Roveto ardente.
Torna ai contenuti