Foto Madrid - Foto di viaggi

Vai ai contenuti
Europa
Madrid
La città dagli stili contrastanti

Madrid, è stata voluta come capitale dalla politica centralizzante del re spagnolo del XVI secolo Filippo II e dei suoi successori.  Fu scelta perché non aveva legami con gli oppositori del re, piuttosto che a causa di considerazioni strategiche, geografiche o economiche.  In effetti, Madrid è carente di altre caratteristiche che potrebbero qualificarlo per un ruolo di primo piano.  Non si trova su un grande fiume, come molte città europee; non possiede depositi minerali o altre ricchezze naturali, né è mai stata meta di pellegrinaggi, anche se il suo santo patrono, San Isidro, gode della distinzione quasi unica di essere stato sposato con un altro santo.  Anche le origini della città sembrano inadeguate per una capitale nazionale: il suo primo ruolo storico era quello di ospitare una piccola fortezza moresca su uno sperone roccioso, parte delle difese settentrionali di quella che allora era la città molto più importante, Toledo, situata a circa 70 km sud-sud-ovest.
Madrid si trova quasi esattamente nel cuore geografico della penisola iberica.  Si trova su un altopiano ondulato di sabbia e argilla noto come Meseta (derivato dalla parola spagnola mesa , "tavolo") ad un'altitudine di circa 646 metri sul livello del mare , rendendolo una delle capitali più alte in Europa.  Questa posizione, insieme alla vicinanza della Sierra de Guadarrama, è in parte responsabile del modello meteorologico di inverni freddi accompagnati da venti forti.  Sono possibili variazioni improvvise di temperatura, ma le estati sono costantemente asciutte e calde, diventando particolarmente opprimenti a luglio e agosto, quando le temperature a volte superano i 38 °. I periodi temperati dell'anno sono la primavera e l'autunno, che sono anche le stagioni più attraenti per i visitatori.
Madrid il Comune
Il Comune di Madrid.
Porta di Alcalà, la porta prende nome dalla città universitaria di Alcalá de Henares, perché la strada che la raggiunge inizia proprio da qui.
Se sai il latino, dall’iscrizione incisa su entrambi i frontoni avrai già capito che la porta fu eretta nel 1778 per decreto di re Carlo III di Borbone. Il monumento è opera dell’architetto siciliano Francesco Sabatini, che lo progettò a forma di arco di trionfo, ispirandosi ai grandi modelli dell’Impero romano. Il nome di Sabatini lo avrai già incontrato e lo ritroveremo spesso parlando di architettura e urbanistica a Madrid nella seconda metà del ’700.
Casa del panificio statua Filippo III
La terza e più grande statua di Puerta del Sol si trova al centro della piazza e raffigura il re Carlo III di Spagna a cavallo. Durante il suo regno, il monarca introdusse così tante riforme progressiste e diede alla città un tale rinnovamento che si guadagnò il miglior sindaco di Madrid. Sullo sfondo La Casa del Panificio, al cui piano terra era installato il panificio della città.
La Gran Vía non è una semplice strada, è un simbolo. Quest’arteria lunga 1,3 chilometri taglia il centro di Madrid in due, regalandole prospettive maestose, scorci eleganti, angeli sospesi su agili cupole, situazioni frenetiche e tipicamente metropolitane.
Originariamente il sito di una delle porte della città, Puerta del Sol dovrebbe essere in cima alla lista dei luoghi da visitare. Seduto in cima all'edificio Casa de Correos, l'attuale quartier generale del governo regionale di Madrid, troverai il famoso orologio a cui guardano tutti gli occhi l'ultimo giorno dell'anno. Da oltre un secolo ormai la tradizione vuole che la gente di tutto il paese inauguri il nuovo anno mangiando 12 uve fortunate ai dodici campanelli di mezzanotte colpiti da questo orologio.
Il Palazzo Reale di Madrid è il più grande palazzo reale dell'Europa occidentale. Fu costruito sul sito del vecchio Alcázar, il castello moresco distrutto da un incendio nel 1734. I mori chiamarono il fiume Manzanares al-Magrit ("fonte d'acqua" ), mentre l'area prese il nome di Mayrit che divenne Magerit, quindi Madrid. Le antiche mura della città intorno a quest'area sono ancora visibili.
Palazzo reale. Il grande salone da ballo e banchetti di gala.
Palazzo reale. Camera di Carlo III o Salone di Gasparini. Era destinata a stanza da letto di Carlo III dal 1764 al 1788, anno in cui vi morì. Nulla è rimasto dell'arredamento di allora.
Centrotavola del Principe Carlo IV, 1778 - 1789.
Palazzo reale, studio delle porcellane
Sala della porcellane. Voluto da Carlo III nel 1760, che trasferì a Madrid la famosa Fabbrica di porcellane di Capodimonte di Napoli. Sui muri e le volte spiccano pannelli di porcellana composte da varie superfici incastrate fra loro, decorate da mensole, vasi e medaglioni bianchi e dorati con ghirlande e con un pergolato in toni verdi che incornicia le allegorie delle feste dionisiache.
La Real Armería del Palacio Real è ritenuta una delle collezioni più importanti del suo genere. Conserva armi e armature appartenenti ai re spagnoli e ad altri componenti della Famiglia Reale, dal XIII secolo.
Plaza de Espana
Piazza di Spagna, Monumento a Miguel de Cervantes: Inaugurato nel 1929, il monumento è coronato da un mappamondo, nel centro della piazza, e raffigura Cervantes con i suoi due mitici personaggi, Don Quijote e Sancho Panza.
La fontana di Cervantes fu promossa da Alfonso XIII nel 1915 in occasione del terzo centenario della pubblicazione della seconda parte del Don Chisciotte.
La vecchia stazione di Atocha è stata trasformata in un giardino tropicale a scopo decorativo, quando è stata riaperta per ospitare i treni dell’alta velocità (AVE).
Catedral de la Almudena
La Cattedrale dell’Almudena di Madrid si trova in pieno centro storico, proprio vicino al Palazzo Reale, ed è uno dei monumenti più visitati della capitale spagnola.
Cattedrale dell’Almudena. Al suo interno sono conservate le staute della Madonna dell’Almudena e di Sant’Isidoro l’Agricoltore.
Chiesa di San Jeronimos si trova dietro al Museo del Prado ed è una delle chiese più storiche della capitale. Questo monastero ha sempre goduto della protezione dei re, che avevano persino costruito stanze accanto al convento, rifugio per la preghiera e la meditazione.
Il monastero è stato costruito in stile tardo gotico con influenze rinascimentali di cui ci sono rimaste poche tracce a causa di continui rimaneggiamenti. La chiesa è costituita da un'unica grande navata, con cappelle ai lati e su di esse.
Chiesa di Jeronimos, Madrid
Chiesa di San Jeronimos. Le sculture che venerano sono copie di quelle di Siviglia, realizzate da Angel Rengel nel 1998. Al centro c'è l'effige di Gesù Bambino.
Le poste di Madrid, Comune di Madrid
Questo imponente palazzo in Plaza de Cibeles era originariamente il Palazzo delle Poste, oggi ospita il Comune di Madrid.
Le poste di Madrid, Comune di Madrid
Il Museo del Prado di Madrid, in Spagna, è tra le più importanti pinacoteche mondiali. Nei suoi primi anni ospitava circa 300 opere, quasi tutte spagnole. Poi sono arrivate migliaia di altre opere, anche dall’estero. Le sue opere vanno dal Dodicesimo al Ventesimo secolo.
Parque del Buen Retiro. I 125 ettari e gli oltre 15.000 alberi del Retiro costituiscono una preziosa oasi verde nel centro di Madrid. Dal punto di vista botanico, alcuni dei suoi giardini sono di notevole interesse. Tra i suoi elementi architettonici e storici più importanti figurano: l’Estanque Grande (lago grande).
re Alfonso XII nel Parco del Retiro
La statua equestre del re Alfonso XII nel Parco del Retiro.
Il Parco del Retiro ospita sculture importanti come il monumento ad Alfonso XII, progetto dell'architetto José Grasés Riera.
Parco del Buen retiro
Parque del Buen Retiro. Fontana.
Palazzo di Cristallo Madrid
Il Palacio de Cristal de El Retiro è uno dei migliori esempi della cosiddetta architettura in ferro di Madrid. Si tratta di una struttura in metallo e vetro situata nel Parco el Retiro ed è stata eretta nel 1887 in occasione della Mostra Flora delle Filippine, tenutasi nello stesso anno. E 'stato progettato come una serra gigantesca per ospitare piante tropicali ed è ora una sala espositiva con mostre e strutture del Museo Reina Sofàa.
Palazzo Velasquez
Il Palacio de Velàzquez (1883) si trova accanto al Crystal Palace, una delle due sedi espositive del Museo Reina Sofàa nel Parco Retiro di Madrid. L'edificio è coperto da volte di struttura in ferro e con illuminazione naturale, grazie alla superficie vetrata. Il suo stile segue il modello che Joseph Paxton stabilì al Crystal Palace di Londra nel 1851.
Monastero San Lorenzo Madrid
Se siete a Madrid, non esitate a dedicare mezza giornata alla scoperta di San Lorenzo de El Escorial a circa un'ora dalla capitale. È una visita irrinunciabile. Potrete ammirarne il Monastero, dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'UNESCO, che custodisce al suo interno segreti della storia di Spagna. E scoprirete anche una località incantevole immersa in un bel contesto naturale.
La Cripta Reale del Monastero dell'Escorial, conosciuta anche come Panteón de los Reyes. In ventisei sepolcri di marmo riposano i resti dei re e delle regine di Spagna dai tempi di Carlo I nel XVI secolo.
Monastero del Escorial. La prima camera sepolcrale del Panteón de Infantes.
Monastero del Escorial. Panteón de Infantes.
Monastero del Escorial. Sala delle Battaglie.
Monastero del Escorial. Sala delle Battaglie.

Ti potrebbe interessare

        Cordoba

         Granada

       Tunisia

      Egitto
                                    

Torna ai contenuti