Foto Praga - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Europa
Praga
La città delle cento torri.

Il Municipio della Città Vecchia con il celebre Orologio astronomico di Praga, le viuzze tortuose del quartiere ebraico rese note dai romanzi di Franz Kafka e intrise di leggende sul Golem, le caffetterie che invitano ad entrare e sedersi, le boutique e le escursioni in battello sul fiume Moldava, il Ponte Carlo in stile gotico e la chiesa di San Nicola nel Quartiere Piccolo, la più bella chiesa barocca di Praga, i Giardini del Castello lontani dal trambusto cittadino, la collina di Petřín con la sua torre panoramica che sembra una Torre Eiffel in miniatura, il Castello di Praga… Ogni quartiere di Praga ha la sua atmosfera peculiare e un fascino unico. La città di Praga si presenta come una città mutevole, a cui piace alternare gli stili, sa essere romantica, frenetica, antica e moderna, ma soprattutto è una città cosmopolita abituata ad accogliere stranieri e visitatori.
Benvenuti a Praga, la capitale della Repubblica Ceca e sede di uno dei più grandi castelli del mondo. Soprannominata 'città dalle cento torri', anche se, in realtà, lo skyline ne ha migliaia, tipico dell'architettura gotica della città. Praga ha il bellissimo e storico Ponte Carlo che attraversa non solo il fiume Moldava, ma anche il famoso canale Čertovka (che significa "il sito del diavolo"). Il ponte in stile gotico è sostenuto da sedici archi che salgono dal fondo del fiume ad un'altezza di tredici metri. E in cima al ponte troverete 30 statue in stile barocco di santi che sono state aggiunte secoli dopo la costruzione iniziale del ponte.
Ponte Carlo (In ceco: Karlav più) è un punto di riferimento iconico nel centro di Praga. Il ponte attraversa il fiume Vltava e collega il centro storico (Staré M'sto) con il Lato Minore (Malà Strana). Non è il più antico ponte ceco, perché questo titolo va al Ponte di Pietra nella città di Pasek nella Boemia meridionale. Ma il Ponte Carlo è sicuramente il ponte più famoso della Cechia e forse anche di tutta Europa.
Ci sono torri medievali su entrambe le estremità del ponte. Esse sono chiamate in modo appropriato: la Torre del Ponte Lato Minore (Malostranskà mosteck) sulla riva sinistra, e la Torre del Ponte della Città Vecchia (Staromstskà mosteckà vez ,) sulla riva destra. Si può salire sia la Torre del Ponte della Città Vecchia sia la Torre del Ponte Lato Minore. Le ricompense sono splendide viste elevate di Praga. La vista dalla Torre del Ponte della Città Vecchia è un po' più popolare.
Il ponte prende il nome dal re Carlo IV, che ne ordinò la costruzione. C'era stato un altro ponte nella stessa posizione. Si chiamava Ponte di Judith. È crollato durante un'alluvione nel 1342. L'architetto incaricato della costruzione del nuovo ponte è stato Petr Parlé. Tra l'altro, ha anche contribuito in modo significativo alla famosa Cattedrale di San Vito al Castello di Praga. La costruzione del ponte ha richiesto 45 anni e il ponte è stato aperto nel 1402.
Il Ponte Carlo, la storia.
Il Ponte Carlo fu ufficialmente commissionato nel 1357 dall'imperatore Carlo IV del Sacro Romano Impero, ma non terminò fino all'inizio del XV secolo. Fu costruito per sostituire un altro ponte che fu distrutto nel 1342 durante un'inondazione, lasciando la città senza alcun modo in cui attraversare dalla riva sinistra alla riva destra del fiume Moldava. Il Ponte Carlo rimase l'unico modo per attraversare i due lati della città fino al 1841, il che rese Praga fondamentale come collegamento vitale tra le rotte commerciali dell'Europa orientale e occidentale.
Nel corso dei secoli la struttura del ponte è stata danneggiata a causa delle inondazioni e più volte ci sono stati importanti risarcimenti per mantenere il suo aspetto. Per tutto questo, rimase un elemento importante della storia economica e storica di Praga. Oltre al suo significato per l'economia di Praga, il Ponte Carlo fu anche particolarmente utilizzato come esposizione per le teste decapitate di 27 capi della rivolta anti-asburgica del 1621 per scoraggiare i cechi da ulteriori resistenze.
Durante il XX e l'inizio del XXI secolo, il Ponte Carlo subì diversi lavori di ristrutturazione. Riparazioni regolari sono necessarie per preservare questo capolavoro di architettura medievale per le generazioni future.
La Piazza della Città Vecchia o Staroměstské náměstí è probabilmente la piazza più famosa di Praga ed è la più bella. Sullo sfondo le torri della Chiesa Gotica di Nostra Signora prima di Tun.
Orologio astronomico.
Torre dell'orologio astronomico.
Il bellissimo Orologio astronomico di Praga si trova sul lato meridionale della Torre del Municipio Vecchio. Il Municipio Storico si trova nella piazza di un centro storico molto speciale. L'orologio fu costruito nel 1410 dal maestro orologiaio Hanus e perfezionato da Jan Taborsky nel XVI secolo, il che lo rende il terzo orologio astronomico più antico del mondo e il più antico ancora in funzione. Il meccanismo dell'orologio ha tre componenti principali, la prima delle quali è il quadrante astronomico, che rappresenta la posizione del Sole e della Luna nel cielo e mostra vari dettagli astronomici. Su entrambi i lati dell'orologio sono visibili statue rappresentative di santi cattolici e degli apostoli. Quando nell'orologio scocca l'ora tra le 9:00 e le 23:00, la processione dei dodici Apostoli si mette in moto.
L'orologio astronomico.
L'orologio astronomico, la leggenda.
La leggenda dell'orologio astronomico nella Città Vecchia di Praga sembra provenire direttamente dai fratelli Grimm.   La storia  è ambientata nel XV secolo, quando si dice che  l'orologio sia stato creato dal grande orologiaio Mikuláš di Kadaň.   Tale era la reputazione del suo artigianato che Mikuláš fu avvicinato da molte nazioni straniere, ognuna delle quali desiderava avere la  propria piazza cittadina sormontata da un meraviglioso orologio  astronomico. Mikuláš si rifiutò di mostrare a chiunque i piani del suo capolavoro, e i Consiglieri di Praga assaliti dalla paura che Mikuláš potesse costruire un orologio più grande,  migliore e più bello per un'altra nazione, decisero di accecare il brillante orologiaio, evitando che  il loro orologio potesse essere superato.  Impazzito, l'orologiaio si vendicò, gettandosi nella sua  straordinaria opera d'arte, bloccando gli ingranaggi dell'orologio e ponendo fine alla propria vita in un colpo solo.  Nel fare ciò, ha maledetto l'orologio, e tutti coloro che avessero cercato di sbloccarlo sarebbero impazziti o sarebbero morti.
Sebbene questa sia solo una leggenda, rappresenta una testimonianza  della straordinaria natura dell'orologio astronomico di Praga. L'orologio è stato modificato, distrutto e riparato molte volte dalla  sua creazione. Ha quattro automi mobili (incluso uno scheletro che suona il suo campanello della morte per ogni ora), e statue rotanti dei 12 apostoli.  Mostra il tempo babilonese, il tempo della Boemia antica, il tempo tedesco e il tempo siderale.  Mostra anche le fasi lunari e il viaggio del sole attraverso le costellazioni dello zodiaco.  Il quadrante del calendario, proprio sotto l'orologio, mostra il giorno  del mese, il giorno della settimana, i giorni di festa e le immagini  allegoriche del mese corrente e il segno dello zodiaco.
Il vicolo d'oro è una pittoresca strada di case colorate all'interno del parco del castello della città. La strada è piena di storia e oggetto di alcune leggende divertenti. Il vicolo è pieno di piccole case costruite in stile manieristico alla fine del XVI secolo.
Il Vicolo d'oro.
Il Vicolo d'oro non ha sempre avuto l'aspetto che ha oggi.  Per cominciare, in origine c'erano due corsie di case l'una dall'altra.  Costruito nel 16 ° secolo, le case originariamente servivano come abitazioni per le guardie del castello.  Velocemente al 19 ° secolo, e tutte le case su un lato della strada  furono demolite, lasciando solo quelle che sono ancora visibili oggi.  All'epoca le case non erano tecnicamente parte del Castello di Praga , quindi servivano da case per le persone più povere, che rimasero negli edifici fino alla fine della seconda guerra mondiale.   Dopo la guerra, la strada fu integrata nel castello e le case ridipinte  nei colori che sono oggi, poi convertite in piccoli negozi e showroom. Alcune case sono state decorate con mobili, manufatti e oggetti che rappresentano epoche diverse.  Ci sono aree di lavoro degli orafi, piccole sale cinematografiche e persino minuscole camere da letto e zone giorno.
Miti e leggende.
Golden Lane viene spesso definita la "via degli alchimisti", ma nonostante la leggenda, le case non furono mai occupate dagli alchimisti del re.   L'imperatore Rodolfo II d'Austria (che alla fine si trasferì per vivere  permanentemente a Praga) aveva alchimisti che vivevano nel castello, ma  occupavano stanze all'interno della struttura principale, piuttosto che  vivere nelle piccole case di Golden Lane. Gli alchimisti di Rudolf hanno svolto gran parte del loro lavoro  all'interno della Torre Mihulka, che si trova sul lato nord del  castello.
Il nome "Golden Lane", tuttavia, non è del tutto arbitrario, poiché nel XVII secolo gli orafi reali vivevano per strada. Ad un certo punto e attraverso la storia, Golden Lane ha ospitato un numero di personaggi famosi. Forse il più noto è il nativo di Praga Franz Kafka , che visse nel numero 22, la casa di sua sorella, per quasi due anni. Lo storico del cinema amatoriale Josef Kazda viveva al numero 12. Kazda  è ricordato soprattutto per aver salvato migliaia di film e documentari dai nazisti durante la seconda guerra mondiale.  Mentre i nazisti stavano distruggendo film e altri tesori nazionali, Kazda nascondeva copie nella sua casa  e organizzava anche piccole  proiezioni in segreto: fu una grande impresa, considerando quanto piccole fossero le case del Vicolo d'oro.
Praga, cimitero ebraico, fu l'unico luogo di sepoltura per gli ebrei praghesi dal 1439 al 1787. Agli ebrei praghesi non fu permesso di essere sepolti fuori dal ghetto, e la fede ebraica non permette di spostare i morti, così i defunti furono sepolti in ben 12 strati. Circa 100.000 ebrei sono sepolti in questo cimitero che ha ispirato così tante opere d'arte e letteratura di importanti scrittori e artisti.
A differenza di molti altri quartieri ebraici in Europa , il quartiere ebraico di Praga non è stato distrutto durante la guerra. Questo perché Hitler mirava a eliminare gli ebrei, per poi ritirarsi a Praga e trasformare il quartiere in un museo. L'area è ora un sito protetto dall'UNESCO. Non solo perché era il più grande ghetto ebraico d'Europa, ma anche per il Museo Ebraico che qui si trova. Durante l'olocausto, quando tutti i residenti ebrei furono mandati nei campi di concentramento, i loro averi furono immagazzinati qui.
Museo Nazionale. La parte più apprezzabile è l'edificio, imponente all'esterno e veramente ammirevole negli interni. L'esposizione non è particolarmente meritevole.
Museo Nazionale.
Chiesa di San Nicola. E' una delle chiese barocche più belle d'Europa. Originariamente una chiesa di un monastero benedettino, ora appartiene alla chiesa hussita ceca.
Il Castello di Praga, uno dei castelli più grandi del mondo.
Cattedrale di San Vito.
La Cattedrale Cattolica Romana di San Vito si trova all'interno delle mura del complesso del Castello di Praga ed è assolutamente da non perdere. La cattedrale gotica risale alla metà del 1300, con strutture religiose precedenti sul sito risalenti a 300 anni prima. Vale la pena ammirare le guglie gotiche, i doccioni e gli archi rampanti. Una volta all'interno, osservate le vetrate della cattedrale. Sono lunghi e colorati, e riempiono di luce la Cattedrale. La cattedrale conserva anche le spoglie di re e imperatori del passato.
Chiesa di San Nicola. Ci sono bellissimi dipinti sul soffitto che mostrano scene della vita di San Nicola e San Benedetto, insieme a un meraviglioso lampadario.
La cattedrale di San Vito (in Ceco: Katedrála svatého Víta) è anche sede dell'arcivescovato di Praga. E' collocata all'interno del Castello di Praga e contiene le tombe di molti Re Boemi. Questa cattedrale è un eccellente esempio di architettura gotica ed è la più grande ed importante chiesa del paese.
La Cattedrale di San Vito è anche il tesoro nazionale che contiene alcuni dei simboli più importanti dello stato Ceco, come la Corona di San Venceslao o la Croce dell'Incoronazione con reliquie della passione di Cristo.
Basilica dell'Assunzione della Vergine Maria a Strahov. Il nucleo di questa abbazia situata al centro del monastero premostratense di Strahov, è formato da una basilica romanica con transetto gotico e due torri rinascimentali modificate in stile barocco. La chiesa ha acquisito il suo aspetto barocco attuale tra il 1742 ed il 1758.
Convento di Strahov nel museo della letteratura divisa in sala teologica e sala filosofica, presenta sugli alti soffitti a volta gli affreschi di Franza Maulbertsch, relativi all'allegoria della Conoscenza e della Sapienza.
Basilica dell'Assunzione. Nei cartigli lungo le pareti della navata principale ci sono degli affreschi raffiguranti alcune scene della vita di San Norberto, il fondatore dell'ordine. Durante le messe, nella chiesa si possono ascoltare dei canti gregoriani.
Santuario di Loreto, i ricchi rilievi in ​​stucco che raffigurano scene della vita dei profeti, sono di artisti italiani.
Il santuario di Loreto fu costruito in stile barocco nel 1626-1750 (fondato da Benigna Katerina Lobkowicz). Loreta è stata progettata come una replica della casa trasferita della Vergine: la Santa Casa.
Il complesso seicentesco del Santuario di Loreto (Loreta in ceco) è l’attrazione principale dell’omonima piazza, non lontana dal Castello di Praga. Durante il vostro tragitto verso il castello vi sarà impossibile non notare la facciata frontale riccamente decorata del santuario, con la sua torre campanaria e la musica da carillon che risuona allo scoccare di ogni ora. E' l'occasione per fermarsi a visitarlo dopo avere visto il castello. Importante luogo di pellegrinaggio mariano, il santuario di Loreto è un’attrazione che non delude grazie ai preziosi tesori che qui si possono ammirare. (per approfondimenti)
Mala Strana, un affascinante quartiere collinare che si trova sulle rive del fiume Moldava, è il quartiere da non perdere a Praga. Qui, i visitatori possono scoprire lussuose case a schiera dai colori vivaci e giardini eleganti, grazie alla sua posizione sotto il castello. Visita lo splendido giardino Waldstein.
Praga, il Ponte Carlo.
Praga. Sullo sfondo il Castello.
Praga.
Scorcio notturno del Castello di Praga.
Torna ai contenuti