Foto Hida Takayama - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Asia > Giappone approfondimenti
Takayama-Murale che raffigura cinque uomini in costume locale che suonano o festeggiano con al centro un drappo che raffigura la testa di un drago
Giappone
Takayama, un museo all'aperto.
Takayama significa letteralmente alte montagne, e Il suo nome è appropriato, poiché parte dell'area delle Alpi giapponesi si trova nella vasta regione di Hida, nella prefettura settentrionale di Gifu. Takayama (nome ufficiale: Hida Takayama) vanta uno dei paesaggi urbani più suggestivi del Giappone, e la sua popolarità è andata in crescendo con gli anni.  A sedurre i visitatori è l'assetto urbanistico risalente alla fine del XVII secolo, le locande dell’epoca Meiji, i santuari, i templi sparsi sulle colline e l’incantevole paesaggio fluviale.
Statua allegorica sul ponte attraversato dal fiume Miya-gawa di Takayama
Takayama, il fiume Miya-gawa.
Le vecchie case e le botteghe di mercanti e artigiani di Takayama
Queste strutture e architetture tradizionali di lunga data ricordano Kyoto, spingendo molti a chiamare Takayama la "Piccola Kyoto". In passato erano le case e le botteghe di mercanti e artigiani.
Negozio di alimentari in un antico locale di Takayama
Negozio di Takayama con souvenir per turisti
I sugidama-ossia le sfere di aghi di cedro appese all'esterno di una distilleria di sake
In alcuni periodi dell'anno le distillerie di Takayama sono riconoscibili dai sugidama, ossia le sfere di aghi di cedro appese all'esterno che indicano la disponibilità di sake appena prodotto.
Bidoncini colorati che contengono sake a Takayama
Contenitori di sake.
Bottiglie di sake all'ingresso del Museo dell'artigianato popolare di Kusakabe a Takayama
Takayama, la capitale del Sake. La produzione del sake è un'altra attività secolare a Takayama e ogni distilleria offre qualche tipo di esperienza di degustazione. Per pochi Yen viene offerto di assaggiare una selezione di oltre 25 tipi diversi di sake.
Riscio giapponese-veicolo adibito per il trasporto delle persone guidati personalmente da un essere umano.
Ai lati del fiume Miyagawa di Takayama il mercato mattutino più grande del Giappone con botteghe in edifici storici e bancarelle per strada
Il mercato mattutino di Takayama è uno dei mercati mattutini più grandi del Giappone. Questo è quello che si svolge sulla riva del fiume Miyagawa. Sessanta negozi e bancarelle sono aperti in circa 350 metri dal ponte Kaji bashi al ponte Yayoi bashi lungo il fiume Miyagawa nel centro della città. Le bancarelle sul lato del fiume vendono verdure, frutta, sottaceti e spezie mentre i negozi sull'altro lato vendono dolci e artigianato giapponese.
Ingresso al Museo dell'artigianato popolare di Kusakabe di Takayama
Museo dell'artigianato popolare di Kusakabe. Un importante bene culturale che rappresenta Hida Takayama, "I ricchi mercanti e la vita di Hida".
Museo popolare di Kusakabe
Il centro storico di Takayama non è solo ricco di negozi ma anche di musei. Uno dei più interessanti è il Museo popolare di Kusakabe che era l'antica casa della famiglia Kusakabe, uno dei ricchi mercanti durante i periodi Edo e Meiji. Il negozio originale "Taniya" era il luogo in cui prestavano denaro all'ufficio pubblico. Il luogo è stato bruciato e una nuova casa (abitazione esistente) è stata costruita dal maestro falegname Jisuke Kawashiri utilizzando pavimenti in terra battuta, travi di legno che si fondono perfettamente con disegni strutturali e pannelli geometrici. Gli interni della casa sono unici nel loro genere e emanano un fascino minimalista. L'edificio stesso è un eccellente esempio dell'architettura in legno unica di Hida-Takayama ed è un importante bene culturale tangibile del Giappone. Gli oggetti esposti all'interno mostrano l'artigianato popolare locale e gli oggetti appartenuti alle famiglie di mercanti che vivevano qui in passato.
Il kago è un mezzo di trasporto antico giapponese esposto al Museo dell'artigianato popolare di Kusakabe
Il kago è un mezzo di trasporto antico giapponese, come il taxi di oggi. Si poteva andare dovunque a pagamento, con questo mezzo trasportato da 2 o 4 persone. E' stato utilizzato dalla sposa per essere trasportata durante il suo matrimonio.
La grande sala della casa Museo della famiglia Kusakabe
Casa Kusakabe sala la famiglia Kusakabe si riuniva a chiaccherare intorno al focolare nelle sere fredde a Takayama
In questa sala la famiglia Kusakabe si riuniva a chiaccherare intorno al focolare nelle sere fredde, mentre qualcosa di delizioso cuoceva a fuoco lento; si inchinavano ogni mattina davanti al piccolo altare shintoista appollaiato in alto sul muro, e ogni sera stringevano le mani in preghiera davanti all'altare buddista, ricordando i loro cari defunti. Oppure avrebbero invitato gli ospiti per un tè o per una chiacchierata di lavoro mentre ammiravano il giardino interno. Qui possiamo vedere gli alti soffitti, i pavimenti in tatami e gli ampi spazi aperti segmentati da porte scorrevoli, il tutto dominato da elementi in legno scuro e da una complessa rete di travi di legno che occupano spazio sopra la testa. Vediamo le vestigia della vita ottocentesca dell'edificio, un bollitore di pietra sospeso su un focolare infossato, accanto a teche di vetro contenenti manufatti storici.
 Antiche ceramiche di Hida esposte nella casa Kusakabe a Takayama
Spesso le sale sono piene di espositori. Potrete vedere una varietà di oggetti folkloristici con una lunga storia, tra cui le antiche ceramiche di Hida. La mostra viene riorganizzata di volta in volta, con altrittanti esemplari esposti in modo permanente.
Nella casa dei Kusakabe a Takamaya c'è un piccolo santuario shintoista nascosto sul piano rialzato
Il piccolo santuario shintoista nascosto in alto
Un edificio di legno con un grande tetto e delle scale. Tempio Hida Kokubunji
Tempio Hida Kokubunji
Il Tempio Hida Kokubunji è il tempio più antico di Takayama , poiché fu costruito nell'anno 746, a metà del periodo Nara, dall'imperatore Shomu come tempio provinciale. Tuttavia, il tempio fu distrutto da un incendio e la struttura più antica attualmente in piedi è la sala principale, Tesoro Culturale Nazionale, che risale al XVI secolo.Oltre alla sala principale, nell'area del tempio troviamo un campanile , la sala del tesoro, con diversi oggetti di importanza culturale, un grande albero di ginkgo alto 38 metri e vecchio di circa 1.200 anni, designato monumento naturale nazionale, e una pagoda a tre piani.
Statuetta shintoista nell'incavo dell'albero secolare nel Tempio Hida Kokubunji.
Statuetta shintoista nell'incavo dell'albero secolare.
Grande albero di ginkgo alto 38 metri e vecchio di circa 1.200 anni al Tempio Hida Kokubunji.
Grande albero di ginkgo alto 38 metri e vecchio di circa 1.200 anni.
Pagoda in legno a tre piani nel Tempio Hida Kokubunji
La pagoda a tre piani , che originariamente aveva 7 piani, è una ricostruzione del 1821 ed è l'unica pagoda di questo stile nella regione di Hida.
Campanile a forma di pagoda a due piani nel Tempio Hida Kokubunji
Il campanile.
Takayama-jinya, l'edificio storico caratterizzato da da una grande tenda viola con lo stemma Tokugawa
Takayama-jinya, l'edificio storico.
Questo vasto complesso ospita l’unico ufficio governativo dello shogunato Tokugawa ancora esistente.L'attuale complesso edilizio si chiama “Jinya” e comprende spazi residenziali e magazzini per il riso pagato come tassa. Tutto il complesso era sede del governatorato la cui attività principale era condurre processi legali e riscuotere tasse. Takayama anticamente era famosa per la maestria dei suoi carpentieri. L'arte della lavorazione del legno aveva raggiunto un livello tale che molte maestranze locali furono chiamate a Kyoto per lavorare alla costruzione del Palazzo Imperiale e ai templi della città. Era ben nota per le sue abbondanti risorse forestali per la produzione di legname e per una risorsa naturale sotterranea di oro, argento, rame e piombo. Questo è uno dei motivi per cui lo Shogunato pose Takayama sotto il controllo diretto come un'importante area economica. L’attuale edificio principale risale al 1816 ed è stato usato dall'amministrazione locale fino al 1969. L'ingresso dell'edificio principale è caratterizzato da una grande tenda viola con lo stemma Tokugawa. All'interno del Jinya, 152 motivi di conigli in metallo ricoprono le giunture della struttura in legno. Anche questi hanno significati particolari. I conigli hanno molti figli, il che è un simbolo di prosperità. In terzo luogo, le grandi orecchie del coniglio simboleggiano il governo che ascolta i bisogni della gente.
Sala all'interno del Takayama-jinya adibito a ufficio del governatore-magistrato provinciale
Ufficio Governativo. Questa è la stanza in cui il governatore/magistrato provinciale e i suoi vice ufficiali/impiegati che prestavano servizio come suoi subordinati svolgevano i loro compiti ufficiali. È la parte centrale dell'ufficio governativo. Qui svolgevano vari compiti legati all'amministrazione locale, tra cui la riscossione delle imposte fondiarie, la gestione delle montagne e delle foreste, l’amministrazione dell’ingegneria civile, il lavoro di polizia e il lavoro giudiziario.
Sala del Takayama-jinya molto spartana praticamente vuota dove i funzionari provinciali si occupavano della gestione delle montagne e delle foreste
Sala Business Ufficiale. Questa è la stanza in cui gli ex vassalli del clan Kanamori che rimasero a Takayama anche dopo il trasferimento del clan e che furono poi nominati governatori provinciali, cioè funzionari del governo locale, svolgevano i loro compiti. Molti erano coinvolti nella gestione delle montagne e delle foreste e nel lavoro di guardia.
I castelli dei samurai.
I Jinya erano uffici governativi fortificati, solitamente costruiti per domini più piccoli che non potevano supportare un castello, o dove il signore locale non era ricco, o aveva un rango abbastanza alto da essere padrone di un castello. Anche così, molti specialisti dei castelli considerano ancora Jinya castelli dei samurai. Molti Jinya presentavano torri di guardia yagura simili a torrioni e altre strutture simili a castelli. Degli oltre 60 quartier generali e sotto sedi regionali che un tempo operavano a livello nazionale, il Takayama Jinya è uno degli ultimi Jinya originali e quasi completi rimasti in Giappone. Nel corso dei successivi 177 anni, 25 generazioni di samurai Tokugawa furono inviate a Hida per lavorare come amministratori, funzionari fiscali e per sorvegliare l'area dal Takayama Jinya fino alla fine del periodo Edo. Dopo la caduta del feudalesimo e la Restaurazione Meiji, il Jinya fu registrato come Monumento Storico Nazionale nel 1929 e continuò ad essere utilizzato come uffici pubblici e prefettizi fino al 1969.
Interno della cucina del governatore con i forni nel Takayama-jinya
Questo è il luogo dove venivano preparati i pasti per il governatore/magistrato provinciale e la sua famiglia.
Questa è la stanza delle cameriere che si prendevano cura personalmente dei governatori/magistrati provinciali nel Takayama-jinya
Questa è la stanza delle cameriere che si prendevano cura personalmente dei governatori/magistrati provinciali.
Questa è la stanza più grande di Takayama Jinya con pavimento in tatami nessun arredo pareti in legno spesso scorrevoli utili per cambiare gli ambienti
Questa è la stanza più grande di Takayama Jinya. Veniva utilizzato per eventi annuali importanti come quelli all'inizio di un nuovo anno.
Takayama-jinya ha molte stanze che danno accesso ad un giardino con alberi.
Takayama-jinya, una delle cose belle del complesso è che molte stanze hanno accesso ad uno spazio aperto con alberi.
Un lago artificiale su cui si specchiano vecchie case rurali di un museo a cielo aperto all'Hida Folk Village di Takayama
Takayama Hida-no-sato, il museo all'aperto.
Hida-no-sato è stato creato per permettere ai visitatori una sorta di immersione in un ambiente rurale di secoli fa. Presenta decine di case, per lo più case coloniche, ed edifici tradizionali, datati tra il 1600 e il 1870. Tutti gli edifici sono stati smantellati nelle rispettive sedi originarie in varie zone della regione e ricostruiti qui nel 1971, per ricreare un villaggio sopra e dietro il piccolo lago artificiale..
Casa contadina in legno con tetto molto spiovente ricoperto di vegetazione e circondata da un muretto in pietre
L'architettura gasshō-zukuri
La regione di Hida è in alta montagna, circondata da vette di 2800-3200 metri, gli inverni sono estremamente rigidi. A testimoniare la grande capacità di adattamento del popolo giapponese sono gli edifici gasshō-zukuri che ancora oggi punteggiano il paesaggio della regione, costruiti con massicci tetti di paglia a doppio spiovente, le due falde di copertura ad angolo acuto hanno la funzione di prevenire l’accumulo di neve. Il nome gasshō indica l’atto di congiungere le mani per pregare: infatti la forma di questi tetti ricorda due mani giunte in preghiera. I grandi edifici gasshō-zukuri erano la residenza di ricche famiglie e ospitavano fino a 30 persone sotto lo stesso tetto. I contadini vivevano invece in minuscole capanne, grandi più o meno quanto i ripostigli per gli attrezzi. Gli animali venivano tenuti in un "fienile" interno con pavimento di terra durante l'inverno, condividendo e contribuendo al calore della famiglia. Anche i caminetti sono stati costruiti direttamente sul pavimento di terra, come prima linea di protezione contro gli incendi domestici. Non c'erano camini e il fumo doveva trovare la sua via d'uscita. Il lato positivo era che aiutava a mantenere la paglia asciutta dall'interno; Gli svantaggi sono gli stessi di sempre: un sottile strato di fuliggine che ricopre pareti e mobili e l'inalazione di fumo che causano problemi di salute.Oggi la tecnica di costruzione gasshō-zukuri sta scomparendo, per questo è lodevole l’impegno profuso per conservare il patrimonio culturale che consente ai visitatori odierni di immaginare come fosse la vita di un tempo sulle colline di Hida.
Grande sala con focolare sul pavimento in terriccio e salone a fianco con pavimento in legno separati da una parete scorrevole.
La casa del capo del villaggio. Funzionava come sala riunioni del villaggio e centro sociale, oltre ad ospitare la famiglia allargata del capo. Gli spazi interni avevano pavimenti in legno lucido, e il passaggio dal pavimento di terra al pavimento di legno è culturalmente radicato: le calzature da esterno non vengono mai indossate sui pavimenti di legno, sia nelle case che nei templi.
Grande vano con pavimento in terriccio per raccogliere attrezzi agricoli come zappe-asce-collari di cavalli.
Gli attrezzi e le attrezzature agricole sono quasi gli stessi che troveremmo in una vecchia fattoria delle nostre parti. La funzione definisce la forma, e le zappe, le asce, i collari dei cavalli e le ruote dei carri devono svolgere ovunque le stesse funzioni.
Edificio in legno con grande tetto spiovente e una parete ricoperta da tante ruote per carretti
Hida Folk Village-Sottotetto di una casa agricola vista dall'esterno che ha un'ampia apertura chiudibile con quattro legni legati uno sull'altro che si abbassano o si alzano in verticale come una persiana.
Nel sottotetto, d’inverno, vengono allevati i bachi da seta che, grazie al  calore prodotto ai primi piani e che sale verso l’alto, crea un habitat ottimale per i bachi.
Sei piccole statuine di jizo una a fianco all'altra posizionate all'aperto e ciascuno con un bavaglino rosso.
Statue di Jizo sopra al lago.
Piedistallo in pietra con grossi sostegni in legno per tenere sospesa una campana buddista senza batacchio.
Questa campana buddista ha la particolarità di non avere il batacchio, per cui il suono viene prodotto colpendo la parte esterna della campana.
Solchi di coltivazioni a forma di cerchi concentrici

Ancora sul Giappone
Torna ai contenuti