Tunnel di Cu Chi durante la guerra di resistenza - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Asia > Vietnam approfondimenti
Vietnam
Tunnel di Cu Chi

I tunnel di Cu Chi sono stati costruiti in un periodo di 25 anni, iniziato verso la fine degli anni '40.   Erano la risposta improvvisata di un esercito di contadini scarsamente  equipaggiati rispetto alle armi del nemico, elicotteri, artiglieria, bombardieri e  armi chimiche.
Il Viet Minh costruì le prime piroghe e tunnel nella dura terra rossa  di Cu Chi (ideale per la loro costruzione) durante la guerra contro i  francesi.   Gli scavi sono stati utilizzati principalmente per la comunicazione tra  i villaggi e per sfuggire alle truppe dell'esercito francese della  zona.
Quando l'insurrezione del VC (National Liberation Front) (NLF) iniziò  sul serio intorno al 1960, i vecchi tunnel del Viet Minh furono riparati  e nuove estensioni furono scavate.   Nel giro di pochi anni il sistema di tunnel assunse un'enorme  importanza strategica e la maggior parte del distretto di Cu Chi e la  zona vicina furono sottoposti a un controllo dei Viet Cong.  Inoltre Cu Chi è stato usato come base per infiltrare agenti segreti e sabotare squadre nemiche in Saigon.   Gli attacchi alla capitale del Vietnam del Sud, durante  l'Offensiva del Tet del 1968 furono pianificati e lanciati da Cu Chi.
Per  far fronte alla minaccia rappresentata dal controllo Viet Cong di un'area così  vicina alla capitale del Vietnam del Sud, una delle prime azioni degli Stati Uniti fu quella di stabilire un grande campo base nel distretto di Cu Chi.  Senza saperlo, lo hanno costruito proprio sopra una rete di tunnel esistente.  Ci vollero mesi perché la 25a divisione capisse perché continuavano a sparare alle loro tende durante la notte.
Foro di ventilazione tunnel di Cu Chi
Foro di ventilazione dei tunnel. I cunicoli stretti e intricati avevano il problema della ventilazione dell'aria, in parte ovviata con fori costruiti in modo tale da essere scambiati per tane d'insetti o animali.
Situata  a circa 60 chilometri a nord-ovest di Ho Chi Minh City, la rete di tunnel di Cu Chi è un ampio labirinto di gallerie sotterranee che si  estende fino al confine cambogiano. Durante  la guerra americana, i tunnel furono estesi su un'area di circa 250 chilometri e quindi assunsero un'enorme importanza strategica per le  truppe combattenti dei Viet Cong e giocarono un ruolo immenso nell'aiutare le truppe vietnamite a vincere contro gli insorti  alleati con gli americani. La rete, non solo ospitava migliaia di guerriglieri vietcong, ma era anche una  struttura complicata composta da numerose trincee, bunker, trappole  esplosive, rifugi antiaerei e un incredibile sistema di ventilazione. I soldati cucinavano, mangiavano, dormivano, lavoravano e perfino  andavano a scuola in questi tunnel mentre il conflitto infuriava sopra. Che ci crediate o no, c'erano ospedali, teatri, scuole, cucine, tutti costruiti in questo straordinario sistema di tunnel.  Cu Chi era anche usato come base per squadre di sabotaggio e agenti di intelligence per infiltrarsi in Saigon.
i  Viet Cong hanno installato tante trappole esplosive e non, attorno agli  ingressi dei tunnel per evitare di essere scoperti dalle truppe  americane fuori terra. In realtà hanno causato l'11% di tutti i decessi legati alla guerra del Vietnam.   Per aggirare questo, gli americani hanno iniziato ad usare i cani da  pastore tedesco per fiutare queste trappole, tuttavia i Vietcong erano  abbastanza intelligenti da evitare di essere fiutati da questi cani.   Non solo i vietcong iniziarono ad usare il sapone americano, ma hanno  anche piantato uniformi di soldati americani catturati da queste  trappole.   I cani pensavano che queste fossero aree amichevoli e così, molti animali finirono per essere uccisi o mutilati dalle trappole, al punto che i loro  conduttori si rifiutavano di continuare a usare i cani. I tunnel di Cu Chi hanno giocato un ruolo enorme nei vietnamiti che hanno vinto la guerra per la loro indipendenza.
Ma c'è una storia più oscura in questi famosi tunnel.
I vietnamiti iniziarono a scavare i tunnel alla fine degli anni '40 durante la guerra d'indipendenza del Vietnam dalla Francia. A quel tempo, l'area di Cu Chi era originariamente abitata da agricoltori. Mentre la ribellione progrediva, molti dei tunnel erano collegati per formare una rete.
Durante la guerra del Vietnam, dal 1955 al 1975, Ho Chi Minh City, conosciuta come Saigon, era la capitale del Vietnam meridionale. Il Fronte di liberazione nazionale e le truppe vietnamite del Nord hanno utilizzato i tunnel per gli attacchi, i trasporti e gli alloggi. Di fronte alle forze sud vietnamite e occidentali che erano più forti e meglio equipaggiate, il Fronte di liberazione nazionale si affidava a tattiche della guerriglia. Lanciavano attacchi furtivi e sorprendevano i nemici dalle gallerie, prima di sparire di nuovo sotto terra.
I tunnel erano una forte difesa dai bombardamenti e furono costruiti per consentire ai vietcong di vivere per mesi al loro interno. C'erano dormitori per dormire, cucine per cucinare e sale da pranzo per mangiare. Il Fronte di liberazione nazionale aveva sale riunioni e depositi per munizioni. Hanno scavato pozzi per l'acqua dolce e c'erano persino dei teatri per intrattenere i soldati durante i periodi di inattività.
Uno degli aspetti più impegnativi da risolvere, era la ventilazione sotterranea. Le truppe hanno scavato buche di ventilazione che sono state mimetizzate come nidi di termiti, ceppi d'albero ed erba. Ma anche allora, a volte, c'era una mancanza d'aria. Hanno anche affrontato malattie, inondazioni, insetti e serpenti.
Dei 3,3 milioni di uomini e donne vietnamiti morti durante la guerra, 45.000 di loro hanno perso la vita difendendo i tunnel di Cu Chi.
L'Operazione Crimp.
Quando gli Stati Uniti e le truppe australiane iniziarono la cosidetta operazione Crimp, che consisteva nel fare perlustrazioni accurate nell'area, non avevano idea dell'esistenza dei tunnel. Mentre attraversavano il distretto di Cu Chi, le truppe degli Stati  Uniti incontravano mine, buche, trincee e grotte, ma  di Viet Cong non c'erano avvistamenti. E anche quando divenne evidente che il nemico era presente in  tunnel sotto i loro piedi, vi erano difficoltà nel trovare le entrate utilizzate dai vietcong.
Anche gli australiani che perlustrarono per tre giorni la loro area di competenza, non incontrarono nessun Viet Cong . E anche loro arrivarono alla conclusione che il nemico fosse  sottoterra,  e mentre gli australiani occupavano l'area, iniziarono a  trovare i tunnel.
Nei  quattro giorni successivi gli australiani, insieme agli americani,  scoprirono quasi due chilometri di tunnel di comunicazione, bunker e  camere sotterranee. Mentre stavano sviluppando sistemi per esplorare i tunnel, gli australiani dovevano ancora escogitare metodi per ingaggiare combattimenti sotterranei. Fu così che il numero di morti australiani in Vietnam raddoppiò. Dietro di loro, gli australiani e gli americani lasciarono villaggi vuoti e bruciati. Le loro popolazioni, considerate troppo vicine ai Viet Cong, furono trasferite.
L'operazione Crimp mostrò che i vietcong erano un nemico determinato e  ben organizzato che aveva la capacità di combattere alle loro condizioni, anche contro una grande operazione. Un anno dopo l'Operazione Crimp gli americani lanciarono un'altra offensiva nel distretto di Cu Chi, e anche dopo questa seconda serie di  attacchi, i tunnel sopravvissero.  
Dopo le gravissime perdite subite dai Viet Cong durante l'offensiva del Tet del 1968, la guerra contro  l'America e i suoi alleati fu portata sempre più dall'esercito del  Vietnam del Nord e il ruolo dei tunnel diminuì. Erano stati cruciali per la prosecuzione della guerra da parte del Viet  Cong, ma nel 1969 il bombardamento a tappeto degli aerei degli Stati  Uniti rese le gallerie inabitabili.
Tale era il tasso di logoramento tra coloro che combatterono nei tunnel  che dei 300 Viet Cong impegnati nella loro difesa, quando iniziò  l'operazione Crimp, che solo quattro sopravvissero alla guerra.  Secondo stime vietnamite, circa 12.000 vietcong e civili hanno perso la vita a Cu Chi durante la guerra.
Oggi, la provincia è diventata una destinazione turistica molto visitata proprio a  causa dei resti dei tunnel di guerra.
Molti artigiani si erano messi a disposizione per riciclare gli pneumatici per costruire le scarpe per i soldati. Le scarpe erano costruite per essere indossate normalmente, ma che avevano la parte posteriore che sembrava quella anteriore, e quella anteriore sembrava la parte posteriore. Cosicchè, quando i vietcong entravano nel tunnel, lasciavano le scarpe all'interno, e se il nemico scopriva l'ingresso del tunnel, veniva ingannato dalle scarpe che facevano credere che il nemico era uscito dal tunnel, quando invece era entrato.
Al giorno d'oggi, ci sono solo due serie di tunnel Cu Chi aperti al pubblico: sono le sezioni di Ben Dinh e Ben Duoc. Questi due siti offrono esperienze molto diverse ai visitatori.  L'entrata Ben Dinh è più vicina (circa 50 chilometri da Ho Chi Minh  City) e a causa della più stretta vicinanza a Saigon, questa località è  diventata affollata di turisti. Se hai solo mezza giornata per visitare i tunnel di Cu Chi, allora questa è probabilmente l'unica opzione. Al contrario, Ben Duoc (circa 70 chilometri da Ho Chi Minh City) sarebbe meglio se avete tempo. Poiché è più lontano dal centro della città, potrai vedere meglio l'ambiente circostante, e anche sperimentare una sezione meno turistica dei tunnel.
Manichini che riproducono le fattezze di guerriglieri, con abbigliamento e armamenti tipici ed altri reperti d’epoca. Vietcong indossavano una divisa verde militare o nera, sandali fatti con i copertoni di gomma, una sciarpa bianca e nera a scacchi multiuso ed un capello stile coloniale.
Le armi chimiche.
Nel tentativo di stanare i Viet Cong nascosti tra la vegetazione delle  foreste, l'esercito statunitense ha fatto ricorso a svariate armi  chimiche, ed in particolare ad un diserbante chiamato in codice "orange  agent" (agente arancio) per il colore dei fusti dove veniva stoccato. Tale diserbante è stato irrorato per via aerea su vaste regioni del  Vietnam, al fine di deforestarle e far uscire i Viet Cong allo scoperto. Purtroppo questa sostanza chimica si è rivelata fortemente cancerogena e  mutogena, al punto tale che continuano a nascere in Vietnam un numero altissimo di bambini focomelici o con altre gravi malformazioni.  Un tribunale internazionale ha riconosciuto gli Stati  Uniti colpevoli di aver utilizzato sostanze chimiche non consone,  condannandoli ad un risarcimento milionario nei confronti delle vittime. Il diserbante è stato ormai bandito da decenni anche per il normale uso  agricolo.
Qui troverai alcune delle foto impressionanti situate al 1° e 2° piano del Museo della guerra di Ho Chi Minh. Sta a te decidere se guardarle o meno. (Per guardarle puoi cliccare qui).

Ti potrebbe interessare

             Cambogia

             Angkor Wat

            Cina del nord            
                  

Torna ai contenuti