Monastero di Cozia foto - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Europa > Romania approfondimenti
Monastero Cozia
Cozia è un complesso monastico architettonicamente e culturalmente importante situato nel principato rumeno di Valacchia. Il monastero con la sua chiesa principale dedicata alla Santissima Trinità (1387–1391) fu fondata dal Voivoda (Principe) Mircea I di Valacchia. Situato lungo il fiume Olt, Cozia conserva segmenti delle mura monastiche fortificate originali del XIV secolo. In posizione centrale all'interno del recinto monastico vi è l'iconica Chiesa della Santissima Trinità. Questa struttura considerevole e lussuosamente progettata è un importante esempio di architettura medievale valacca. La chiesa di Cozia ospita la tomba del suo fondatore, Mircea I.  
Vista frontale della chiesa ortodossa cristiana di epoca medievale, con portico in stile brancovenesco del XVIII secolo.
La fontana di Neagoe Basarab. Oggi diventata la fontana dei desideri dai turisti.
Il monastero fu più volte riparato e restaurato, grazie agli interventi dei sovrani Neagoe Basarab, Constantin Brâncoveanu, Gheorghe Bibescu o Barbu Știrbei. Neagoe Basarab costruì la fontana che oggi porta il suo nome, e Constantin Brâncoveanu costruì il portico, nel famoso stile “Brâncovenesc”, così come le celle con le serre.

Dettagli architettonici.
Tra le caratteristiche notevoli del monastero ci sono le due cappelle a cupola agli angoli delle mura di fortificazione orientali che si affacciano sul fiume Olt, e l'altra cappella situata su una collina dal lato opposto del monastero. Il monastero ha subito distruzione e abbandono, soprattutto durante la prima guerra mondiale ed è stato pesantemente ristrutturato tra gli anni '50 e '80.
Il nartece - "Sala del tesoro" del Monastero Cozia. Ospita non solo le tombe del voivoda ma anche l'affresco più antico di questo monastero, risalente al XIV secolo.
Affresco trecentesco di vari santi, con i Patriarchi (Isacco, Abramo e Giacobbe) nella pianta principale.
Nel nartece è sepolto il fondatore Mircea cel Bătrân morto all'età di 60 anni (1418). Il sarcofago in pietra è scolpito con il volto del voivoda, ma non è quello originale, a causa delle numerose rapine a cui il monastero è stato sottoposto nel corso dei secoli. Accanto a lui c'è il sarcofago di Teofana, la madre del principe Mihai Viteazul, che dopo la morte del figlio divenne monaco nel monastero di Cozia. Nella navata della Chiesa Grande si può anche vedere il dipinto originale della fine del 1300, che raffigura Mircea e suo figlio, Mihai, in costumi cavallereschi.
La parte posteriore del Monastero è vicino al fiume Olt, e uscendo dalle mura del Monastero troviamo alcune sponde con splendide viste sulle montagne.

Approfondimenti


                                    
Torna ai contenuti