Monastero di Agapia foto - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Europa > Romania approfondimenti
Monastero di Agapia
Rovinato e ricostruito, bruciato e rifatto, Agapia è un eremo molto affascinante. All'inizio del XVII secolo, i monaci della vecchia Agapia spostarono la  loro casa lungo la valle del ruscello Agapia, dove costruirono anche  una piccola chiesa di legno (la chiesa "San Ioan Bogoslovul").
Agapia consiste in realtà di due monasteri.  L' Agapia din Vale (Monastero nella Valle) più grande e vistosa si trova alla fine del villaggio di Agapia.   Fu costruita da Gavril Coci (fratello di Vasile Lupu) tra il 1642 e il  1644, tuttavia la sua attuale facciata in stile neoclassico risale a  ricostruzioni tra il 1882 e il 1903.  Gli edifici principali sono moderni, ma è bello vagare per i giardini, che hanno un qualcosa di spirituale.
Ad Agapia  din Vale ci sono appartamenti destinati ad ospitare i turisti,  anche se questo servizio è principalmente destinato ai  pellegrini religiosi.
Fino all'anno 1803, il monastero fu vissuto dai monaci.   Dopo il cambio del monastero di Agapia in un monastero di monache, alla  metà del XIX secolo si svolge il primo restauro integrale della chiesa,  periodo in cui Nicolae Grigorescu eseguì la pittura d'interni, tra cui  lo schermo icona (1858-1862).   Grigorescu era il principale impressionista della Romania, ma il suo  lavoro risale a prima di questo periodo e sembra molto convenzionale.  Inoltre è stato effettuato in olii, che non sono così durevoli quanto l'affresco.  Verso la metà del XX secolo si erano deteriorati gravemente, ma sono stati ripristinati alla fine degli anni '90.
Agapia din Deal (Agapia on the Hill), chiamata anche Agapia Veche  (Old Agapia), è il secondo monastero, a 2,2 km dal complesso del  monastero principale (seguire la strada a destra, attraversare  l'affascinante sezione vecchia di Agapia, piena di case di legno, verso  la strada sterrata segnalata che vira a destra).  Vale la pena fare un'escursione in salita.   Puoi guidare anche tu, ma prendi solo una macchina potente e non dopo  la pioggia, dato che alcune sezioni della strada sterrata sono  estremamente ripide.   Questo tranquillo e umile monastero è meno ornato di Agapia din Vale e  ha solo affreschi moderni, ma conserva comunque l'atmosfera pacifica e  gli edifici in legno.  Fu fondata da Lady Elena, moglie di Petru Rares, nel 1642-47.
Grotta 5: il Buddha è come inserito in un guscio con le pareti lavorate a fasce concentriche, e presentano sulla superficie innumerevoli motivi decorativi, fra cui le fiamme e piccole figure di Buddha e adoratori.
All'interno dei confini del monastero di Agapia vivono oltre 500 suore che lavorano nei campi, coltivano orti e tessono tappeti e ricami. Emarginate dalle chiusure verso le religioni del periodo comunista, le suore di Agapia tessevano tappeti per il megapalazzo di Ceausescu nel centro di Bucarest. Oggi le officine tessili producono principalmente tappeti, arazzi e tappeti per scopi religiosi, ma producono anche per vendite commerciali, e i turisti sono i benvenuti. I disegni si dividono in due tipi distinti, le grandi rose rosa fluorescenti su uno sfondo bleck che sono popolari nelle chiese di tutta la Romania, mentre quelle tradizionali hanno disegni geometrici in colori più tenui e naturali.
Oggi le officine tessili producono principalmente tappeti, arazzi e tappeti per scopi religiosi, ma producono anche per vendite commerciali e i turisti sono i benvenuti. I disegni si dividono in due tipi distinti, le grandi rose rosa fluorescenti su uno sfondo bleck che sono popolari nelle chiese di tutta la Romania, mentre quelle tradizionali hanno disegni geometrici in colori più tenui e naturali.
Il monastero ha un museo con un'importante collezione di oggetti dal grande valore storico e artistico.   Ci sono vecchie icone del XVI - XVII e XVIII secolo o alcuni  affascinanti frammenti di inconostasi del XVII secolo firmati da N.  Grigorescu, trame e ricami, croci, altri oggetti religiosi ecc. Ci sono  anche vecchi manoscritti, tappeti in stile moldavo realizzati nel  laboratori del monastero.

Approfondimenti

                                    
Torna ai contenuti