Isola di Palmarola - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Italia > Isole pontine
dalla punta di una barca si comincia a vedere il profilo dell'Isola di Palmarola con un gabbiano che vola intorno.
Isola di Palmarola
Giugno 2017

Palmarola, che è sempre visibile dal versante occidentale di Ponza, la si raggiunge in barca in circa un'ora.  Una volta arrivati vicini all'isola che da lontano appariva come uno scorcio da cartolina, mostra diverse sfumature, e forme. Il primo saluto vi verrà dal gabbiano, vigile sentinella dell'Isola di S. Silverio. Vi sorvolerà più volte, vi girerà intorno,  si tufferà nel mar di cobal­to, poi come un angelo silenzioso vi indicherà le alture.

Gruppi di palme nane-piante che non crescono più di un grosso cespuglio-tipiche dell'Isola di Palmarola.
Palmarola, terza isola per grandezza dell'arcipelago ponziano, dopo Ponza e Ventotene, prende il nome dalla palma nana, unica palma originaria dell'Europa che cresce selvatica sulla sua superficie.
Di fronte alla poppa di una barca appaiono i faraglioni di mezzogiorno all'isola di Palmarola.
Appena giunti a Palmarola dal lato Est dell'isola, appaiono i faraglioni di Mezzogiorno.
Due alti faraglioni si ergono davanti alle coste dell'Isola di Palmarola chiamati di mezzogiorno.
Faraglioni di Mezzogiorno.
Cala Brigantina a Palmarola mostra un grande scoglio largo e piatto dalla forte somigliana con il pesce sogliola.
Cala Brigantina, racchiusa dallo Scoglio Suvace, definito così perché ricorda il pesce sovace, sogliola, in dialetto ponzese. Dal ‘700 offriva riparo alle barche dei pirati che fino a metà dell’ottocento hanno continuato ad infestare buona parte del Mediterraneo.  In questa zona dall'autunno alla primavera vi stanziano centinaia di gabbiani reali e vi nidifica il falco pellegrino.
Arco naturale incastonato in una grotta coloratissima, quella di mezzogiorno.  L'ombra  smeralda  fa vivere  i  gialli e i rossi delle erbe marine, mentre la volta aperta sotto il cielo mostra uno spettacolo inatteso.
Faraglioni arguti su un mare smeraldo all'isola di Palmarola
Varcata la grotta di Mezzogiorno, vi troverete davanti a tre cime appuntite che svettano sopra un mare verde smeraldo.
In cima ad un grande faraglione dell'isola di Palmarola è stata costruita una cappella in onore di San Silverio che qui fu esiliato.
Foto ravvicinata della cappella di San Silverio in cima ad un faraglione sull'isola di Palmarola.
La casa di San Silverio sulla cima di uno scoglio, la storia.
A Palmarola fu esiliato e morì papa Silverio, Santo patrono del comune di Ponza che viene festeggiato il 20 giugno. Il faraglione di San Silverio accoglie sulla sua sommità una piccola cappella che la tradizione popolare narra sia sorta sui resti della forzata residenza del Santo. La statua di San Silverio “pellegrina” fu portata per la prima volta sul Faraglione di Palmarola nell’anno 1950 con la barca “Ondina”. L’acquisto della statua fu fatta a Napoli e siccome il viso era molto diverso dalla statua situata nella chiesa a Ponza, fu fatto un ritocco da Silverio Scotti detto “baffetiell”, marito della signora Ada. Successivamente verso la fine degli anni settanta,  siccome i ceri accesi nella cappellina del faraglione avevano annerito la statua, fu portata a Ponza per un restauro che fu effettuato da Silverio Di Fazio  detto ” u’ pittore “; nell’occasione fu portato sul faraglione un libro-giornale, presente ancora oggi, dove i visitatori apponevano un pensiero ed un ricordo.
Due faraglioni separati dalla costa a strapiombo si ergono dal mare uno vicino all'altro come due sorelle da cui prendono il nome.
Le due sorelle.
Una battello pieno di turisti sta per approdare a Cala del Porto nota spiaggia dell'isola di Palmarola.
Cala del Porto, è un bel recinto naturale con spiaggia in pietrisco, molto frequentata e sicuro approdo per molte imbarcazioni. Delimitata dagli scogli Le Galere e dallo Scoglio San Silverio.
A Cala del Porto una roccia scoscesa ospita numerose grotte utilizzate dagli abitanti come soggiorno di vacanze estive.
Cala del Porto. L'isola è una riserva naturale e, grazie al suo aspetto incontaminato e alla varietà delle sue coste, è considerata una tra le più belle isole del mondo. Abitata solo nel periodo estivo, diventa luogo di ritiro per i ponzesi che si rifugiano nelle case grotta, tipiche abitazioni scavate nella roccia di Palmarola.
Parte della costa di Palmarola vista dal mare chiamata La Cattedrale per la sua somigliana ad una cattedrale gotica.
Costa dell'Isola di Palmarola che somiglia ai pilastri di una cattedrale gotica.
Di inestimabile bellezza è quella parte di costa che viene definita La Cattedrale per la sua somiglianza ai pilastri di una cattedrale gotica. Si innalza nei pressi di cala Tramontana dall’azzurro del fondale.
Uno scoglio sottile e alto con la base larga che si erge sul mare smeraldo dell'Isola di Palmarola.
Scoglio dello Spermaturo.
Una grande formazione rocciosa nell'acqua.-Isola di Palmarola.
Una barca rossa a motore è approdata su una spiaggia acciotolata con due alti scogli sullo sfondo-nell'Isola di Palmarola.
Prua di una barca ancorata di fronte ad una grotta sull'Isola di Palmarola.

Ti potrebbe interessare         


     Le grotte di Pilato
                                                                    
         Il relitto di Forte Papa





Torna ai contenuti