Miniera del sale - Foto di viaggi

Vai ai contenuti
Europa > Cracovia approfondimenti
Miniera del sale
Le sculture di sale
Miniera di sale di Wieliczka, nota anche come miniera di sale di Cracovia è un "must" quando visitate la Polonia. E' un punto di riferimento sotterraneo di livello mondiale, patrimonio dell'UNESCO. Ogni anno più di 1 milione di turisti visitano la miniera, non senza una buona ragione. Fu costruita nel XIII secolo e produsse sale da cucina ininterrottamente fino al 1996. La miniera raggiunge una profondità di 327 metri. Si sviluppa su nove livelli, ma i turisti possono scendere fino al terzo livello della miniera a 135 metri di profondità per 3 chilometri di lunghezza. Sotto il livello del suolo si trovano corridoi salini, sculture e statue di sale, spettacolari costruzioni in legno, laghi salini e venti magnifiche camere scavate nel salgemma. Il complesso della miniera di sale di Wieliczka ha anche una torre di graduazione, situata in superficie. È anche un luogo curativo con proprietà simili a quella inalata dal mare. Respirare l'aria a Wieliczka può migliorare significativamente la salute delle persone con malattie delle vie respiratorie superiori, grazie al contenuto di cloruro di sodio, potassio, magnesio e calcio.
La Camera Ursula. Questa grotta, scavata da un blocco di sale, viene conservata grazie all'utilizzo di travi e sostegni di legno di pino, che essendo morbido attutisce la pressione della roccia.
Storia della miniera del sale di Wieliczka
La miniera del sale di Wieliczka è una rete sotterranea di tunnel artificiali a 327 metri di profondità per l'estrazione del sale, situata sotto la città di Wieliczka, nel sud della Polonia. Le prove della lavorazione del sale a Wieliczka risalgono al periodo neolitico. La salamoia veniva raccolta dalle sorgenti in superficie e bollita in vasi di argilla, dove veniva usata come conservante per vari tipi di carne e pesce.
Entro l'11 ° e il 13 ° secolo, la quantità di sale che era possibile estrarre dall'acqua di sorgente diminuì, al punto che si era costretti a scavare pozzi profondi per estrarre acqua con quantità di sale più elevate. Ciò ha portato alla scoperta del salgemma raffinato, un minerale prezioso composto principalmente da cloruro di sodio.Fu così che si andò sempre più in profondità per scoprire i preziosi giacimenti di salgemma, che nel 14 ° e 15 ° secolo resero Wieliczka una fonte redditizia di entrate per Casimiro III il Grande che usò i fondi generati dalla miniera per costruire l'Accademia di Cracovia.
L'estrazione mineraria aumentò i ritmi di estrazione a livello industriale durante il 16 ° al 18 ° secolo. I pozzi vennero scavati suddividendoli in livelli, e la salamoia veniva evaporata in speciali forni a vasche. E quando nel 1772 parte della Polonia fu sotto il dominio della monarchia asburgica, i nuovi proprietari della miniera di Wieliczka investirono nella costruzione di una ferrovia sotterranea, di una centrale elettrica e di una macchina di sollevamento a vapore che trasformò la miniera di Wieliczka in una moderna salina.
Durante il 19 ° secolo, la miniera divenne una grande attrazione turistica che portava i visitatori attraverso i tunnel su una ferrovia trainata da cavalli accompagnati dal suono di un'orchestra. I minatori costruirono chilometri di gallerie decorate con opere d'arte, cappelle sotterranee e statue scolpite nel sale.
Dopo la fine della prima guerra mondiale e la riconquista dell'indipendenza da parte della Polonia, la miniera divenne ancora una volta proprietà del Tesoro di Stato polacco e fu presa sotto l'amministrazione polacca. Nel periodo tra le due guerre, la produzione di sale raggiunse un anno di 203.000 tonnellate, ma la produzione cessò durante l'occupazione nazista con la riconversione della miniera come fabbrica sotterranea di armamenti utilizzando ebrei provenienti da campi di lavoro forzato.
Nel 1964, l'estrazione del salgemma a Wieliczka fu completamente interrotta a favore della produzione industriale di sale evaporato utilizzando il metodo di estrazione a umido. La miniera è ora uno dei monumenti storici nazionali ufficiali della Polonia e nel 2010 è stata accettata come patrimonio mondiale dell'UNESCO insieme alla miniera di sale di Bochnia.
Camera Copernico. Una delle prime camere che vedrete durante la vostra visita alle miniere di sale di Wieliczka è quella dedicata all'astronomo polacco Niccolò Copernico, che fu uno dei primi turisti a visitare questo luogo nel 15 ° secolo, quando studiava all'Accademia di Cracovia, che oggi è nota come Università Jagellonica. E' da notare che anche la pavimentazione è elaborata col sale.
La Camera di Janowice è una delle camere più interessanti del percorso turistico. Si assiste ad una vera scena, rappresentata delle figure di sale a grandezza naturale. Raccontano una delle leggende più belle tra le stanze della miniera, a partire dalla scoperta del giacimento di salgemma in Polonia. Qui un passaggio della leggenda della principessa ungherese Kinga (che in seguito divenne santa e regina di Polonia) a cui viene mostrato il ritrovamento del suo anello di fidanzamento nelle miniere di sale di Wieliczka.
La leggenda sulla principessa Kinga
Sottoterra puoi vivere l'affascinante mistero della miniera e ascoltare tutte le leggende e i segreti nascosti nel sottosuolo per secoli. Puoi ascoltare una delle leggende polacche più affascinanti all'interno della Cappella di Santa Kinga (anche conosciuta come Cunegonda). La storia ebbe inizio quando la figlia di re Bèla IV d’Ungheria, fu promessa in sposa a Boleslao V, futuro re di Polonia. La ragazza chiese al padre di farle dono di una miniera di sale da portare in dote al marito e ai polacchi. Il sale era ai tempi preziosissimo e costituiva una fonte di impareggiabile ricchezza. Era spesso al centro di lotte violente per il monopolio del suo commercio. Kinga sapeva che la Polonia scarseggiava di sale e il Re Bèla donò alla figlia una miniera sita in Ungheria. Kinga, seguendo un’ispirazione divina, gettò l’anello di fidanzamento nel pozzo di questa miniera. Con la corte al seguito, lasciò il padre e si diresse verso la Polonia. Quando il corteo sopraggiunse nei pressi di Cracovia, seguendo ancora una volta un’intuizione divina, diede ordine di scavare un pozzo. La carovana si trovava a Wieliczka. Gli scavi permisero di scoprire un giacimento enorme di salgemma. Si narra che nel primo blocco di sale portato in superficie fosse incastonato proprio l’anello di Kinga. Da allora la principessa è patrona dei minatori .
La grotta Spalone che significa bruciata, perché qui, secoli fa, si verificarono esplosioni e incendi dovuti alla presenza del metano che, essendo più leggero dell'aria, concentrandosi nelle parti superiori della grotta, creavano una miscela esplosiva a contatto della fiamma delle torce che i minatori  usavano per farsi luce. La stanza rappresenta  dei minatori altamente specializzati, chiamati "penitenti",  che rischiano la vita avvolti in panni umidi e brandendo tizzoni ardenti issati su lunghi pali, con lo scopo di bruciare il metano sprigionato dall'estrazione. Purtroppo, all'epoca, non si conoscevano le tecniche di ventilazione che usiamo oggi.
Nella Sala Sielec potete vedere la rappresentazione di come il sale veniva trasportato. Queste figure umane di minatori sono molto realistiche. È mostrato il trasporto non soltanto da parte dei minatori a mano, ma anche usando i cavalli come forza di trazione.
Camera di Kazimierz o Casimiro il Grande, uno dei più importanti re polacchi che legiferò sull'amministrazione della miniera di sale di Wieliczka e sul miglioramento delle condizioni di lavoro dei minatori. Nella sala troverete sia un grande busto del Re realizzato proprio in onore del monarca, ma anche diverse macchine utilizzate per il trasporto del sale e una ruota ad acqua trainata da cavalli.
Il pozzo Cunegunda. Questo è uno dei luoghi più belli che vedrete durante la visita delle miniere di sale di Wieliczka. Da un lato, i simpatici nanetti illuminati con luci colorate che rappresentano i diversi compiti del minatore all'interno delle miniere (il frantoio, il caricatore, il carrettiere e il falegname). Dall'altro, le curiose formazioni rocciose come stalagmiti e stalattiti che circondano il lago dei desideri. Il Pozzo Cunegunda è il luogo in cui si osserva meglio il fenomeno della cristallizzazione del sale.
La Cattedrale di Santa Kinga è l'attrazione più importante della miniera è l'unica chiesa sotterranea in Europa. È dedicata a  Santa Kinga, protettrice dei lavoratori delle miniere di sale.
La Cattedrale, uno spettacolo straordinario.
Vedere con i propri occhi la spettacolare Cappella di Santa Kinga è da sola una ragione sufficiente per scendere per più di 100 metri nelle miniere di sale di Wieliczka. Se le altre camere vi hanno sorpreso, questa supererà tutte le vostre aspettative. Le sue dimensioni sono sorprendenti, è più di una cappella, questo luogo ricorda una cattedrale. È anche un luogo molto speciale la cui costruzione ha richiesto quasi 70 anni, poiché il lavoro è stato molto laborioso ed è stato eseguito da soli tre operai (i fratelli Markowski e Antoni Wyrodek) che sorprendentemente mancavano di studi in Belle Arti e che sono stati sepolti qui: davvero impressionante!
La Cappella di Santa Kinga è la parte più suggestiva per la sua bella decorazione fatta di sale e tutto lo sforzo che è stato profuso per delineare anche i minimi dettagli. Dagli enormi e spettacolari lampadari e rilievi biblici che fungono da pale d'altare, alle statue dedicate a Santa Kinga, alla Vergine di Lourdes o a Papa Giovanni Paolo II, tra gli altri. Non per niente è considerata la "Cappella Sistina del sale".
Ci si chiede: come si fa a scolpire col sale i lampadari e le statue? Il sale può sembrare un materiale fragile e delicato, ma ha una durezza simile a quella del gesso. La lavorazione del sale in sé non è difficile; tuttavia, per scolpire professionalmente nel sale, bisogna avere molta esperienza con questo materiale. Ogni blocco di sale è diverso: differisce non solo per dimensioni o durezza, ma anche per colore, che può essere utilizzato in modo interessante nell'atto della creazione.
Nel 1994, le reliquie di santa Kinga vennero depositate nella nicchia del tavolo liturgico.Tutt'attorno all'altare, a cui prestare attenzione, è un rilievo raffigurante l'Ultima Cena, ispirato all'opera di Leonardo da Vinci. Sulle pareti della camera si possono vedere altri rilievi, altrettanto belli, raffiguranti gli eventi descritti nella Sacra Bibbia, tra cui le nozze di Cana di Galilea o la fuga in Egitto, oltre a Cristo che insegna nel tempio, la strada per Betlemme, l'infedele Tommaso, la strage degli innocenti o la sentenza di Erode. Le sante messe vengono celebrate nella cappella la domenica e, ad esempio, la vigilia di Natale a mezzanotte a cui il pubblico può partecipare e che può contenere fino a 400 persone.
Altare della Santa Kinga. A latere della Santa Kinga si possono ammirare altre due sculture: quelle di Giuseppe (patrono dei minatori) e Clemente (patrono della parrocchia di Wieliczka). Nel presbiterio, sul lato sinistro, si trova invece la croce papale atta a simbolizzare le quattro miniere ubicate in Polonia: Wieliczka, Bochnia, Kłodawa e Sieroszowice. Nel 1994, le reliquie di Santa Kinga vennero depositate nella nicchia del tavolo liturgico.
Un altro elemento a cui prestare attenzione quando si visita la cappella è un rilievo raffigurante l'Ultima Cena, ispirato all'opera di Leonardo da Vinci.
La fuga in Egitto.
Una statua di Giovanni Paolo II opera dell'artista Stanisław Aniof, che si trova qui dal 1999. È l'unico monumento al mondo del santo papa fatto di sale.
La Camera di Michalowice  Non è artistica come le precedenti, in quanto non ha ornamenti o sculture, ma questo luogo ha un impatto a causa della sua impalcatura in legno, che sale a 35 metri di altezza, e dove pende un lampadario ancora più grande di quelli nella Cappella di Santa Kinga. Le travi bianche sono controventi aggiunti per rinforzare la miniera. Le piattaforme di legno marrone con gli scalpelli decorativi sono i sentieri per i turisti.
La Cappella di San Giovanni. Se si scende al terzo livello delle miniere di sale di Wieliczka, nel punto più profondo del percorso a 135 metri, è possibile visitare la Cappella di San Giovanni. Un bellissimo e colorato santuario presieduto da un Cristo crocifisso dove si può apprezzare un'atmosfera che invita alla meditazione. La Cappella di San Giovanni è uno dei 40 luoghi di culto che i minatori polacchi costruirono all'interno delle miniere di sale di Wieliczka per pregare durante il giorno. La costante minaccia di frane sul lavoro faceva sì che i minatori affidassero la loro vita a Dio e fossero molto devoti.
La Camera di Weimar. Quando entrate in questa stanza noterete che c'è un'atmosfera incantevole e unica. E' qui che troverete un bellissimo lago salato illuminato, che adorna la camera, di cui sicuramente vorrete scattare qualche foto mentre ascoltate alcune melodie del compositore Frédéric Chopin, che frequentava le miniere per curare il suo problema di asma. Nella camera di Weimar vedrete una scultura dedicata allo scrittore Goethe, che aveva una grande passione per la speleologia e visitava occasionalmente le miniere.
C'è anche il ristorante nella miniera dove si può mangiare a 130 metri di profondità.
Ti potrebbero interessare
         
       
         Auschwitz-Birkenau
 
     La Basilica di Santa Maria
    
         La Cattedrale di Wawel




      
             Barcellona                                                                           

          Siviglia

        Cina del nord


                                  
Torna ai contenuti