Scopri la Romania: Visto con i miei occhi - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Europa
Alberi e prati verdi e nuvole a livello del suolo sulle colline della Transilvania.
Romania
Castelli, Monasteri e paesaggi straordinari.
Oltre a Bucarest e a visitare alcuni castelli della Romania, abbiamo fatto un viaggio in Bukovina,  una regione rumena situata nella parte settentrionale della Moldavia.  Il nome Bukovina risale alla sua annessione dagli Asburgo nel 1774 (che  durò fino a dopo la prima guerra mondiale), e significa una terra coperta da faggete. Questa parte della Romania è particolarmente bella, con una natura pulita e incontaminata e un paesaggio unico. Qui abbiamo visitato i famosi "monasteri dipinti di Bucovina" ortodossi. Le chiese e i monasteri sono in perfetta armonia con le montagne, le  foreste e i fiumi, e hanno lo scopo di creare  una profonda comunione tra l'essere umano e la sacralità,  con un paesaggio che crea un'atmosfera meditativa.
Ci sono 48 monasteri in totale, sette dei quali sono stati inclusi nella lista del patrimonio mondiale dell'UNESCO.
Alcuni di loro sono circondati da mura fortificate, costruite per proteggere dagli invasori, in particolare Turchi. Questi monasteri e le chiese bizantine con i loro eccezionali affreschi sulle pareti esterne, sono tra i luoghi più affascinanti della Romania. I monasteri furono costruiti durante il XV-XVI secolo in un periodo  segnato dalle personalità del principe moldavo Stefano il Grande  (1457-1504), e di suo figlio, Petru Rares (1530-1538, 1541-1546).  Stefano il Grande era un illustre comandante dell'esercito, un difensore della cristianità e un prolifico promotore di cultura. A suo tempo, i monasteri non erano decorati con affreschi policromi  esterni, ma con ceramiche smaltate colorate, disposte intorno ai  campanili e sotto le cornici. Fu solo verso la fine del XV secolo, e poi per tutto il XVI secolo,  soprattutto durante il tempo di Petru Rares, che fiorirono i dipinti murali  esterni. I contenuti pittorici combinano forme bizantine e pittura in miniatura di libri occidentali con la tradizione popolare rumena, e intendono  insegnare il cristianesimo al popolo analfabeta attraverso le immagini. A quei tempi, infatti, gli eserciti contadini si radunavano per la  battaglia all'interno delle mura dei monasteri, e per educare e  intrattenere i soldati analfabeti e i seguaci, gli esterni delle  chiese erano adornati con dipinti di storie bibliche e altri temi cristiani, tra cui messaggi anti-ottomani. Le chiese  bucovinesi rappresentano sicuramente una Bibbia all'aperto.
Sebbene le pareti esposte a nord della maggior parte dei monasteri siano state danneggiate da secoli di pioggia e vento proveniente dalla Russia, le immagini sulle altre pareti hanno conservato stupefacentemente la loro originaria vivacità, inclusa la notevole intensità del colore.
Il nostro itinerario copre i monasteri dipinti nei pressi di Suceava: Voronet, Moldovita, Sucevita, Agapia, Cozia.
Grande edificio semicircolare con davanti una grande piazza.
Bucarest. Il Palazzo del Parlamento è il più grande e più imponente edificio amministrativo del mondo utilizzato a scopi civili, e anche il secondo più grande edificio amministrativo nel complesso, dopo il Pentagono. Attualmente questo imponente edificio ospita il Senato della Romania e la Camera dei Deputati rumena ed è anche la sede dell'Iniziativa di cooperazione del Sud-est europeo.
Il Palazzo del Parlamento, conosciuto anche come "People's House", fu il tentativo di Nicolae Ceausescu di ridisegnare Bucarest costruendo una serie di imponenti edifici destinati a dimostrare al mondo quanto fosse ricca e potente la Repubblica socialista di Romania. Le costruzioni iniziarono nel 1983 quando la Romania era sotto il dominio comunista e al momento della rivoluzione rumena nel 1989 l'edificio non era ancora finito.
Il Parlamento. Oggi, l'edificio ha solo 400 camere e 2 ampie sale che possono essere utilizzate, su un totale di 1.100 stanze. Dopo la rivoluzione, nessuno ha avuto il desiderio di completare questo gigantesco edificio. In effetti, molti rumeni chiedevano la distruzione dell'edificio che era visto come un simbolo della megalomania di Ceausescu e delle vite stravaganti guidate dalle ex élite comuniste.
Un giardino e una piazza con aste e bandiere di fronte al Parlamento.
Il bel viale che si propaga davanti alla facciata del Parlamento di Bucarest
Il Castello Peles è uno dei castelli più famosi della Romania, insieme al castello di Bran. Si distingue per il fatto che, nel tempo, è stata una residenza reale. La storia del castello inizia con una visita fatta da Carlo I nella città di Sinaia. Il re è rimasto incantato dalla bellezza di questo posto, situato vicino alle montagne.
Nel 1883 viene inaugurato il Castello di Peles. Doveva essere una residenza stabile di una dinastia di re della Romania,per la sua posizione strategica. Non lontano da Predeal, c'era il confine rumeno con l'impero austro-ungarico. Dopo l'unificazione della Transilvania con l'Antico Regno, il castello sarà il cuore del paese.
Castello Peles. La torre centrale misura 66 metri e, oltre al castello, sono stati eretti due edifici più piccoli, Pelisor e Foisor.
Castello Peles. Scultura in granito di una figura femminile, nei giardini.
Circondato da un'aura di mistero e leggenda e arroccato in cima a una roccia alta 200 metri, il Castello di Bran deve la sua fama alle sue imponenti torri e torrette e al mito creato attorno al Dracula di Bram Stocker. Sebbene Stoker non abbia mai visitato la Transilvania, l'autore irlandese ha fatto affidamento sulla ricerca e sulla sua vivida immaginazione per creare il terreno oscuro e intimidatorio del Conte Dracula, portando a miti persistenti che una volta era la casa di Vlad Tepes, sovrano della Valacchia.
Dal 1920 al 1957 Bran é servito come residenza reale, un dono del popolo di Brasov alla regina Maria della Romania. Il castello è ora un museo aperto ai turisti, che espone arte e mobili raccolti dalla regina Maria.
Sinagoga Beth Israel nella città vecchia di Brasov. In queste terre convivono quasi tutte le comunità religiose in piena e tollerante armonia di fede. Sullo sfondo il Monte Tampa, alto 960 metri. Brasov è circondata dalle montagne, da fitte foreste e villaggi con chiese fortificate.
La Chiesa Nera è la principale chiesa gotica della Romania, sovrasta la Piazza del Consiglio e la città vecchia. La chiesa ebbe il suo nuovo nome dopo che nel 1689 venne danneggiata gravemente dal Grande Incendio che investì la maggior parte della città, annerendo le mura della chiesa.
Brasov, la Piazza del Consiglio è una delle più belle piazze centrali del paese. Situata nel cuore della vecchia Brasov medievale e fiancheggiata da belle case mercantili con il tetto rosso. La Piazza del Consiglio, conosciuta dalla popolazione sassone come la Marktplatz, è un bel posto dove riposare e immergersi nello splendido scenario.
La fontana moderna della Piazza del Consiglio (Plata Sfatului).
Brasov, Piazza del Consiglio.
Brasov, Chiesa di San Nicola.
Brasov, Chiesa di San Nicola.
Chiesa ortodossa di San Nicola (Biserica Sfantul Nicolae). la chiesa è un vero capolavoro architettonico. Con un mix di stili bizantino, barocco e gotico, presenta una torre slanciata e quattro torri angolari. Come altre chiese medievali, è circondato da mura protettive con grandi cancelli di legno. Il recinto ospita un piccolo cimitero dove sono sepolti diversi personaggi illustri della Romania.
Gli affreschi interni sono opera del maestro Mişu Popp.
Le Gole di Bicaz, sono una vera e propria porta naturale tra la Moldavia e la Transilvania. Le Gole sono state formate dal fiume Bicaz e dai suoi affluenti e collegano le regioni romene della Transilvania e della Moldavia. La zona è lunga circa 8 chilometri.
Il Lago Rosso, sito nella zona montagnosa delle Gole di Bicaz, si è formato nel 1837 in seguito ad alcune frane. Il colore rossastro è dovuto ai depositi di ossido di ferro in sospensione.
Il complesso di Agapia è il più importante convento di monache ortodosse in Romania. Il monastero è famoso in tutto il mondo grazie agli affreschi interni dipinti da uno dei fondatori della moderna pittura rumena, Nicolae Grigorescu
La bellezza del monastero, la pace della mente e la serenità possono essere percepiti dalle persone che lo visitano. Tutti i fiori, i dipinti, i tappeti e i libri fatti dalle suore sostengono quelle sensazioni di essere in una vera oasi di tranquillità.
Sucevita era una residenza principesca e un monastero fortificato. Oggi, le spesse mura ospitano un museo che presenta un'eccezionale collezione di oggetti storici e artistici. Suceviţa è la più grande e anche l'ultima costruzione dei monasteri dipinti della Bucovina. Fu costruito nel 1581 dal vescovo di Rădăuţi, Gheorghe Movila. Si trova nel villaggio dello stesso nome ai piedi dei monti Carpazi ad ovest di Rădăuţi.
Monastero Sucevita. Uno degli affreschi più importanti è la Scala della Virtù, che mostra i santi che salgono al cielo mentre i peccatori (raffigurati come turchi) cadono, per essere presi dai demoni. Gli affreschi del monastero sono dipinti in rosso porpora e blu su uno sfondo verde smeraldo.
Monastero Sucevita
Forse il più famoso e sorprendente dei monasteri dipinti è il Voronet (Vo ro nets) , fondato nel 1487 da Stefano il Grande per celebrare una vittoria sui Turchi. Ampiamente conosciuta in tutta Europa come "la Cappella Sistina d'Oriente" per via dei suoi dipinti murali interni ed esterni, questo monastero offre un'abbondanza di affreschi con un'intensa tonalità di blu comunemente nota come "blu di Voronet". La composizione della pittura continua a rimanere un mistero anche adesso, più di 500 anni dopo la costruzione della chiesa.
Aggiunto nel 1547, gli affreschi di questa chiesa illustrano scene bibliche, preghiere, episodi di inni sacri e temi come Il giudizio universale e La scala di San Giovanni, con immagini colorate e ricche di dettagli di apostoli, evangelisti, filosofi, martiri, Angeli e Demoni.
Una delle maggiori attrazioni culturali della Transilvania è questa chiesa fortificata di Biertan, che fa parte dei siti del patrimonio mondiale dell'UNESCO ed è una delle più poderose fortificazioni costruite qui secoli fa. È infatti una delle più grandi della Transilvania, costruita quando i Sassoni locali avevano già una vasta esperienza secolare nel difendersi in questo modo innovativo.
Nella chiesa, vedrete anche l'altare originale, il più grande della Transilvania, con 28 pannelli dipinti, datati al 1515, parzialmente ispirati alla pala d'altare dell'Abbazia scozzese di Vienna.
Ma Il pezzo più pregiato è, tuttavia, la porta della sagrestia. Decorato con intarsi che rappresentano torri e bare fortificate e datato al 1515, la porta ha un ingegnoso sistema che attiva contemporaneamente 15 chiuse quando la porta è chiusa. Utilizzato per proteggere i beni più preziosi della chiesa in caso di necessità, la porta fu presentata anche alla Fiera Mondiale di Parigi nel 1889.
Sighisoara è una cittadella molto ben conservata e ancora abitata. La cittadella è elencata come patrimonio mondiale dell'UNESCO. Il posto stupisce con le sue numerose torri e case dall'aspetto antico.
Sighisoara, la piazzetta principale.
Sighisoara. L'edificio più alto all'interno della cittadella è la torre dell'orologio. Con i suoi 64 metri può essere visto da quasi ogni parte della città. L'orologio di legno in cima è stato messo lì nel 1604. Oggi la torre è un museo di storia.
L'orologio fu collocato nella torre nel 1648 e il suo meccanismo svizzero fu aggiunto nel 1906. Sette diverse figurine a movimento lento scolpite in legno di tiglio si sostituiscono a mezzanotte per tutta la settimana, e nella parte superiore della guglia è un orologio meteorologico che prevede il tempo.
Sighisoara, il campanile.
La città di Sibiu fu fondata nel 12 ° secolo come residenza dei coloni tedeschi in Transilvania. Già due secoli dopo era un importante centro commerciale con 19 corporazioni. Divenne rapidamente la principale città tedesca della Transilvania, conosciuta come il posto più orientale con la cultura dell'Europa occidentale .
Un ponte che sovrasta una strada con case colorate sullo sfondo.
Liar's Bridge - il primo ponte di ferro mai costruito in Romania (nel 1859 è possibile vedere la data scritta sul ponte). Una leggenda vuole che il ponte smaschera i bugiardi che l'attraversano trovando la morte.
Sibiu è conosciuta come la città dove le case hanno gli occhi. Il particolare mix di influenza tedesca e ungherese a Sibiu ha portato allo speciale tipo di architettura in cui è stata costruita una piccola finestra in soffitta, per scopi di raffreddamento. Alcune di queste case furono costruite anche nel XV secolo!
Sibiu. Accanto al Palazzo del Municipio e a quello della Chiesa Cattolica di Santa Trinità si trova la grande piazza (Piata Mare), che esiste dal 1366. È il cuore stesso della vecchia città medievale e ha un'atmosfera vivace con vivaci caffè e ristoranti.
Sibiu. Chiesa Cattolica di Santa Trinità.
Il monastero di Cozia si trova all'interno della bellissima area protetta del Parco Nazionale di Cozia, nel settore centrale dei Carpazi meridionali, adagiato sugli approcci alla catena montuosa di Fagaras. Inizialmente, il monastero di Cozia era conosciuto sotto il nome di Nucet Monastery, perché era stato costruito in un'area adatta per la coltivazione dei noci. Il nome di "Cozia" è stato dato ad esso più tardi, dopo il nome della montagna nelle sue vicinanze. Il monastero di Cozia fu dipinto tra il 1390 e il 1391. Alcuni degli affreschi originali (1390) sono ancora ben conservati, mentre il resto dei dipinti murali sono il risultato del lavoro di restauro eseguito nel 1719.
Pareti decorate e un grande lampadario a candele nel Monastero di Cozia.
Monastero di Cozia è stato costruito da Mircea il Vecchio nel 1388 e qui c'è la sua tomba che è uno dei più importanti monumenti di arte medievale nazionale e architettura.
Monastero di Cozia.
Affreschi di santi nel Monastero di Cozia.
Monastero di Cozia.
Monastero di Cozia.

Romania approfondimenti


                                    
Torna ai contenuti