Villach o Villaco - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Italia > Tarvisio e dintorni
Villach
Un pittoresco centro storico
Villach o Villaco, è una piccola cittadina situata nella parte sud della Carinzia in Austria, a poco più di venti chilometri dalla frontiera con l’Italia di Tarvisio. La città è un luogo di confine dove si incontrano tre culture differenti dell’area dell’Alpe Adria: quella austriaca, quella italiana e quella slovena. E' conosciuta dai Paesi limitrofi come una rinomata località termale. Sia in città sia nei dintorni ci sono posti poco noti al turismo di massa, e comunque interessanti da visitare.
Villach, attraversata dal fiume Drava (Drau in tedesco), è situata a 501 metri sul livello del mare ed è circondata dai versanti settentrionali della Alpi Carniche.
Hauptplatz. È la piazza principale della città, ha una forma rettangolare allungata e come tutto il centro storico è pavimentata da cubetti di porfido. Le facciate delle abitazioni hanno tinte di color pastello e durante la bella stagione i davanzali delle finestre ospitano dei vasi fioriti, che forniscono dei gradevoli contrasti cromatici.
Hauptplatz è ornata dalla colonna della Santa Trinità del 1739, farete passeggiate tra grandi fioraie, panchine in legno ed i tavolini all’aperto dei bar.
La città è ricca di edifici costruiti soprattutto dopo la Seconda Guerra Mondiale, perché quelli più antichi sono andati distrutti in seguito ai bombardamenti.
Chiesa di St. Jakob. Proprio in fondo ad Hauptplatz svetta la chiesa parrocchiale di San Giacomo, a livello architettonico uno dei più importanti monumenti religiosi della Carinzia. È stata costruita nel XV secolo in stile gotico, anche se alcuni documenti storici fanno risalire la sua presenza già a partire dal 1136. Ha una torre a guglia che in pratica sostituisce la facciata ed è collegata all’edificio da un portico neogotico del 1848.
L’interno è a tre navate e presenta un interessante altare maggiore del XVIII secolo, con un Crocifisso del 1502.
Avvicinandoci, si è subito attirati dai pregevoli stucchi.
L'altare maggiore in stile rococò.
Stadtmuseum. Situato proprio dietro alla chiesa parrocchiale, questo interessante museo cittadino ospita tra gli altri dei documenti e cimeli del medico e alchimista Paracelso. Oltre alla rassegna dedicata al medico svizzero, c’è una esposizione di reperti archeologici di epoca preistorica e romana, una farmacia antica ed infine opere e oggetti d’arte risalenti al periodo che va dal XIV al XVI secolo.
Proprio di fronte allo Stadtmuserum, sull’altro lato della strada, sorgono il Rosengarten (il giardino delle rose) e un moderno monumento in metallo e vetro plastificato (Denkmal der Namen). Sui pannelli sono incisi i nomi di tutti i cittadini morti in seguito alla deportazione nei campi di concentramento e di prigionia da parte dei Nazisti.
Superato il Villach Draubrücke, il ponte sulla Drava, si giunge su uno slargo dove svetta la chiesa francescana di San Nicola. Sugli argini è stata ricavata una pista ciclabile che costeggia il fiume.
L'interno non ha opere di gran pregio ma è necessario ricordare che era un convento di cappuccini, ora chiesa cattolica.
Ti potrebbero interessare
         


            
       Moena

        Soraga
 
            Predazzo
  

  


         
            
    
                   Dolomiti

                   Vicenza
                  
              Lago di Fusine

              Lago di Predil

Torna ai contenuti