Foto dell'Alcázar di Siviglia - Visto con i miei occhi

Vai ai contenuti
Europa > Andalusia > Andalusia approfondimenti
Siviglia
Real Alcázar

Il Real Alcázar de Sevilla è il palazzo reale di Siviglia. Il nome ' Alcazar ' significa castello in spagnolo e deriva dalla parola araba al-qasr (fortezza o palazzo). Questa antica fortezza araba fu trasformata in palazzo residenziale nel quale vissero Isabella la Cattolica e successivamente il nipote Carlo V. Stranamente, questo capolavoro non fu costruito dagli arabi, ma dai conquistatori cristiani
che copiarono lo stile dei loro predecessori servendosi di artisti musulmani. Dunque, lo stile è mudéjar; uno stile architettonico con molte influenze dalla cultura moresca e cristiana. Successivamente furono aggiunti elementi rinascimentali, manieristi e barocchi. È probabilmente il palazzo più antico d'Europa ancora in uso e Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO.
Fu Pietro l di Castiglia ("il Crudele") a far costruire l'Alcazar, in quello che viene deinfinita degli azulejos, i cui motivi sono uno diverso dall'altro. La sala del trono è la più decorata, con i suoi archi tripli a ferro di cavallo a ciascun lato, i suoi balconi sorretti da draghi in legno e le numerose salette che la circondano.
La Puerta del Leòn è l’entrata principale al Real Alcàzar di Siviglia, il simbolo del leone in stile gotico è situato sulla parete esterna del complesso, ed è la principale via di accesso al sito. La porta è sovrastata da un pannello rosso in ceramica andalusa di Triana, realizzata dalla fabbrica Mensaque nel 1894, sulla base di un progetto dello storico José Gestoso. La raffigurazione araldica del leone appare con in mano un crocifisso con il suo artiglio destro e con una bandiera sotto il suo artiglio sinistro. Storicamente questa porta era stata conosciuta come la Montería. Secondo Ortiz de Zúñiga (17 ° secolo), fu chiamato in quel modo perché era dove il re con i suoi cacciatori andava a caccia. Questa ipotesi è fondata, poiché il padre di Pedro I, Alfonso XI, era così appassionato di caccia che scrisse un libro sulla caccia. Secondo José Gestoso, il nome era dovuto al fatto che era decorato con rilievi di caccia. Sul lato sinistro dell’arco sono visibili i rilievi di due medaglioni poligonali molto consumati. In uno di essi puoi vedere qualcosa di simile a un animale quadrupede.
Patio de la Monteria. È il cortile principale ed è presieduto dalla porta del palazzo Pedro I. Alle pareti ci sono archi semicircolari che furono murati nel XV secolo.
Patio de la Monteria, la porta del palazzo Pedro I.
Proseguendo la visita ai palazzi incontriamo altri due famosi cortili, il primo è il Patio de las Doncellas (cortile delle fanciulle), questo è il patio più importante dei palazzi, il suo cuore, il suo polmone, la sua anima, tutto in una volta. Era qui che avevano luogo le grandi accoglienze e soprattutto gli incontri fra principi e califfi, fra sultani e re. Talvolta, venivano offerte come dono delle fanciulle. Si tratta di un cortile rettangolare di 21×15 metri circondato da quattro gallerie; due di sette e due di cinque archi. Al centro c’è una piscina profonda un metro.
Possiede gli azulejos più belli del palazzo e pannelli in stucco finemente lavorati nella più pura tradizione moresca. In certi patio i fregi sono, in realtà, versetti del Corano che s'integrano magnificamente con l'arte decorativa. Sopra le porte, gli stemmi di Castiglia e di Leòn. Intorno al piano terra c’erano alcune stanze accessibili agli ospiti, mentre al piano superiore c’erano solo stanze private. Il piano superiore di questo cortile fu rinnovato tra il 1540 e il 1572. Gli archi semicircolari sostenuti da colonne di marmo con capitelli ionici realizzati a Genova da Antonio María Aprile da Carona e Bernardino da Bissone risalgono a questo periodo. Le colonne al piano terra furono sostituite tra il 1560 e il 1569 da altre scolpite nella stessa città italiana da Francisco e Juan Lugano e Francisco da Carona. Da questo cortile si può accedere ad altre importanti sale come la Sala degli Ambasciatori.
Arcate sotto il portico del Patio de las Doncellas.
Vicino al cortile delle fanciulle si può ammirare il Salon de Embajadores (salone degli ambasciatori) la sala più bella del palazzo, la sala era dedicata alle cerimonie ed eventi. Entrando nella sala vi sono archi decorati con intagli dorati e motivi geometrici. Le sue pareti sono piastrellate di blu e verde in una varietà di motivi così intricati e splendidi, che ti sembra quasi di perderti.
Salone degli Ambasciatori.
Siamo nel cuore politico del palazzo e in uno dei gioielli dell'Alcazar. Arabeschi in stucchi policromi, architravi finemente cesellati, straordinaria cupola a forma di mezza arancia decorata di stalattiti, porta in legno scolpito. In un'epoca in cui Edison non aveva ancora rischiarato il mondo con le sue lampadine, gli architetti utilizzavano ingegnosi artifici per sfruttare la fonti luminose. Noterete, perciò, nelle nicchie del soffitto, minuscoli specchi in acciaio. La luce che entra dagli archi viene dapprima riflessa dal marmo chiaro della pavimentazione, poi colpisce gli specchi che, a loro volta, illuminano la stanza. Se non si sta attenti, tuttequeste bellezze potrebbero relegare quasi in secondo piano la ricchezza infinita degli azulejos, i cui motivi sono uno diverso dall'altro. La sala del trono è la più decorata, con i suoi archi tripli a ferro di cavallo a ciascun lato, i suoi balconi sorretti da draghi in legno e le numerose salette che la circondano.
La Sala degli Ambasciatori è sormontato da una stupenda cupola fatta di legno interlacciato, scolpito e dorato in oro, in stile moresco.
Soffitto di vetro neo-rinascimentale e archi moreschi del cortile delle bambole o patio de las Munecas nella Alcázar di Siviglia.
Cortile delle Bambole (palacio de las Muñecas).
Attribuito a Pietro il Crudele e riservato alla vita familiare. Il nome delle bambole è antico, e recentemente si ritiene derivi dai piccoli volti che s'intravedono (bisogna cercarli bene) all'intersezione degli archi e che assomigliano (vagamente) a quelli delle bambole. Stucchi estremamente raffinati, piccolo patio circondato da gallerie sovrapposte. Alcuni intonaci in gesso sono stati copiati da quelli dell' Alhambra di Granada.
I giardini sono separati da terrazze e si combinano stili di giardino italiano, arabo e francese. Appena si entra nel giardino reale si osserva il Giardino dell'Estanque (giardino dello stagno), al centro una fontana con la statua di Mercurio.
Al di fuori del palazzo ci sono i giardini, il cui aspetto è diverso dall'Alhambra di Granada. Qui sono giardini luminosi e spaziosi con  motivi geometrici chiusi ma che comunicano tra loro attraverso cancelli e recinzioni, esortandoci ad attraversarli. I vecchi frutteti sono stati trasformati in splendidi giardini, arricchiti nel tempo con piante esotiche provenienti da tutti gli angoli del mondo, attualmente più di 170 specie nei suoi 60.000 m2 di superficie che gratificano i sensi, sempre accompagnati dall'acqua, simbolo di purezza che dona esuberanza e splendore alla vegetazione. L'acqua accompagna sempre con il suo suono la nostra passeggiata, scorrendo tra fossi e canali, apparendo quieta nelle numerose pozze o tremolando in delicati spruzzi, appare più sonora nelle fontane e grotte rinascimentali.
Al centro di questo stagno c'è una statua in bronzo del 1576 del dio greco Mercurio, progettata da Diego de Pesquera e fusa da Bartolomé Morel. È probabile che lo stagno di Mercurio sia stato costruito nel periodo arabo come elemento di stoccaggio e regolazione per l'approvvigionamento idrico dell'intera cittadella.
Lo stagno di Mercurio.
Dietro lo stagno di Mercurio c'è un muro lungo 160 metri chiamato Grotta Gallery (Galeria de los Grutescos) , una struttura muraria che ha una galleria che permette una splendida vista sui giardini. Originariamente questa costruzione era composta solo del muro in stile almohade del XII secolo, fungeva da difesa militare e contro l'inondazione del fiume Tagarete. Nel 1612, Vermondo Resta rivide il muro trasformando la vecchia parete almohade imitando l'aspetto delle rocce come le troverete in una grotta, incrostata di conchiglie, corrosa dall'acqua di mare: uno stile chiamato "grutesco", ma impreziosito da affreschi  rinascimentali di Diego de Esquivel che rappresentano scene mitologiche.  
L'acqua svolge un ruolo importante nel concetto di giardini. I suoi suoni gorgoglianti nelle fontane e negli stagni, nei canali di irrigazione e nelle cascate ti invitano a rallentare il ritmo e goderti il momento. Fiori grandi e piccoli sono ovunque, la loro fragranza riempie l'aria.
Il Giardino delle Dame, visto dalla Galleria del Grottesco.
Il Giardino delle Dame fu realizzato nel 1526, in occasione del matrimonio di Carlo I e Isabella del Portogallo. Fu ampliato nel XVII secolo in direzione del vecchio frutteto dell'Alcoba, confinando con la galleria Grutesco del Vermondo Resta. Attualmente è strutturato in otto quadranti delimitati da siepi di mirto e cofano. Al centro si trova la fontana in marmo del XVIII secolo con la statua in bronzo di Nettuno.
L'Arte topiaria consiste nel potare alberi e arbusti al fine di dare loro una forma particolare. In questo caso sono tanti elefanti messi in fila.
Il Giardino della Croce.
Il Giardino dei Commensali, nel frattempo, ospita il Padiglione di Carlo V, dove l'imperatore spagnolo cenava in estate.
Il padiglione Carlos V fu costruito tra il 1543 e il 1546 da Juan Fernández. È in stile mudéjar. Ha un piano quadrato. All'interno c'è una volta emisferica. Tutte le sue pareti, sia interne che esterne, così come le sue panchine, sono ricoperte da piastrelle del XVI secolo realizzate da Juan Polido e suo padre Diego Polido. L'esterno è circondato da quattro gallerie porticato con archi semicircolari sostenuti su colonne di marmo.
Padiglione Carlos V, panchine rivestite di piastrelle del XVI secolo.
L'interno del piccolo Padiglione di Carlo V. Prendetevi del tempo per osservare le decorazioni in ceramica: ci sono piastrelle colorate ovunque (anche sul pavimento).
Il Padiglione del Leone.
Padiglione del Leone. Diego Martín de Orejuela ha costruito due padiglioni nel 17 ° secolo. Questi erano il padiglione Ochavado, ora scomparso, e il Padiglione del Leone, che è conservato. Il Padiglione del leone fu costruito tra il 1644 e il 1645. Vi è una stanza a pianta quadrata alla quale si accede da un arco semicircolare. Sui tre fianchi rimanenti ci sono finestre inserite in nicchie. Questa stanza è coperta da una cupola piastrellata all’esterno. Di fronte c’è una fontana con un leone, di provenienza sconosciuta.



             Cordoba

             Granada

             Barcellona

            Siviglia

           Cattedrale di Siviglia

   
                                    




                  Tunnel di Cu Chi

                 Cambogia

                  Angkor Wat

                Cina del nord
                                    


Torna ai contenuti